Cronaca Borgo Trento / Via G. B Cavalcaselle

Non può stare a Verona ma lo trovano a litigare in città: viene spedito in carcere

Si era già guadagnato il divieto di dimora nella provincia di Verona per aver commesso un furto, ma non ha rispettato la misura cautelare ed è stato protagonista di una violenta lite tra extracomunitari

Venerdì scorso, gli uomini della Sezione Catturandi della Squadra Mobile, hanno provveduto a rintracciare A.Y., cittadino marocchino di 30 anni, già sottoposto alla misura del divieto di dimora nella provincia di Verona, che si era guadagnato per aver commesso un furto.
Il marocchino tuttavia, non solo non ha rispettato la misura, ma inoltre, pochi giorni dopo la sentenza, si è fatto trovare partecipe ad una violenta lite tra cittadini extracomunitari. Per questo motivo quindi, nonché per i suoi numerosi precedenti, il giudice a disposto nei suoi confronti la sostituzione della precedente misura con la custodia cautelare in carcere. E così, dopo una attenta attività di appostamento, gli uomini della Mobile lo hanno scovato nascosto in un edificio abbandonato in Via Cavalcaselle e poi condotto alla Casa Circondariale di Verona.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non può stare a Verona ma lo trovano a litigare in città: viene spedito in carcere

VeronaSera è in caricamento