Cronaca Sona / Via Bussolengo

Fucilata a Sona contro l'abitazione di un 41enne, condannato per il caso Mondialfruit

Un chiaro atto d'intimidazione in perfetto stile mafioso, nei confronti di quello che è considerato il responsabile principale della truffa milionaria a 25 banche, condannato nel 2012

Spari a mezzanotte giovedì 3 settembre Lugagnano di Sona. Si è trattato con ogni probabilità di un atto d'intimidazione nei confronti dell'uomo, ritenuto essere il diretto responsabile ed organizzatore della maxi truffa a ben 25 banche per la quale è stato condannato ai domiciliari nel 2012. Al momento, così come riferisce l'Arena, il 41enne lavora per una ditta di ascensori ed è affidato ai servizi sociali, convivendo da quattro anni con la sua compagna.

La notte scorsa una Fiat Uno rossa si è fermata dinanzi alla sua abitazione e un uomo armato di fucile calibro 12 ha scaricato un colpo diretto contro l'ingresso della casa. Poco distante da lì, in seguito la vettura è stata ritrovata completamente incendiata per far sparire ogni tipo di traccia, e si è comunque riusciti a scoprire che era sta rubata il giorno precedente a Verona. Un chiaro atto intimidatorio insomma, in perfetto stile mafioso e che ha chiaramente spaventato l'individuo, il quale si è subito prodigato per allertare i Carabinieri di Villafranca e di Sommacampagna. Ora le indagini proseguiranno, anche se è chiaro che la lista di potenziali "nemici" del principale orditore della truffa milionaria, realizzata grazie al riciclaggio del denaro della Mondialfruit, risulta essere davvero piuttosto lunga.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fucilata a Sona contro l'abitazione di un 41enne, condannato per il caso Mondialfruit

VeronaSera è in caricamento