menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I carabinieri con il materiale sequestrato nell'operazione

I carabinieri con il materiale sequestrato nell'operazione

Durante la perquisizione, aggredisce un carabiniere con un cacciavite

Il tutto è partito da alcune segnalazioni che raccontavano di un possibile giro di droga nel centro di Povegliano, così i militari hanno dato il via ad un servizio per verificare la situazione

Un giovanissimo italiano, B.S. classe 2002, nella notte tra venerdì e sabato è stato arrestato dai carabinieri della stazione di Castel d'Azzano con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali aggravate. 

Numerose segnalazioni sono pervenute all'Arma da alcuni cittadini di Povegliano Veronese, che lamentavano una possibile situazione di spaccio di droga nel centro del paese, così nel corso della settimana i militari hanno organizzato una serie di servizi, anche in abiti civili, finalizzati proprio al contrasto della compravendita di stupefacenti. Attività che avrebbe permesso loro di intervenire e fermare tre acquirenti, uno dei quali sarebbe stato trovato in possesso di oltre 20 grammi di marijuana: S.Y., classe 2000, è stato dunque denunciato a piede libero per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. È scattata così anche la perquisizione della sua abitazione e di quella del presunto spacciatori, che non avrebbe dato risultati. Durante le opeazioni però B.S., forse contrariato dall'attività dei militari, si sarebbe improvvisamente scagliato contro uno di loro, aggredendolo con un cacciavite che aveva in casa: le ferite alla mano subite dal carabiniere sono state refertate dai medici del Pronto Soccorso di Verona Borgo Trento in 30 giorni di prognosi.
Dichiarato in arresto, il ragazzo è stato trattenuto nelle camere di sicurezza della Compagnia di Villafranca di Verona, in attesa del rito direttissimo che si è svolto nella mattinata di sabato: convalidato il provvedimento, l’avvocato del giovane ha richiesto i termini a difesa, nel frattempo è stata comminata la misura cautelare dell’obbligo di firma giornaliero presso la polizia giudiziaria. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Palestra in casa: gli attrezzi immancabili

  • social

    Epilessia: come fare attività fisica in sicurezza

  • social

    Ristorazione: i trend 2021 secondo TheFork 

  • social

    Un pizzico di cocktail: nasce il nuovo programma dedicato a dessert e cocktail

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento