Spaccio di stupefacenti, la polizia ferroviaria di Verona arresta un 22enne

È un giovane cittadino italiano di origine bielorussa, iniziali E.K., 22enne di Brescia. È stato fermato dagli agenti su un treno proveniente dal Trentino con 6 grammi e mezzo di marijuana

(Foto generica di repertorio)

Nel pomeriggio di giovedì 1 febbraio, la polizia ferroviaria di Verona Porta Nuova ha individuato e arrestato un giovane cittadino italiano di origine bielorussa, iniziali E.K., 22enne di Brescia. L'accusa è detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Gli agenti della polfer, nel corso dei continui servizi di vigilanza, su un treno proveniente dal Trentino Alto Adige hanno notato tra i numerosi passeggeri un giovane sospetto che è stato trovato in possesso di 6,5 grammi di infiorescenze di marijuana, denaro contante per oltre duemila euro e un bilancino di precisione. La notevole quantità di denaro contante, anche in banconote di piccolo taglio, nonché gli accertamenti effettuati hanno permesso di appurare che il giovane stava facendo rientro dal Trentino dove si era recato per spacciare.

L'arresto del giovane è stato convalidato e l'udienza è stata fissata per il 4 maggio. Il 22enne è stato rimesso in libertà.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investito da un treno a Balconi di Pescantina: caos e disagi in stazione

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 18 al 20 ottobre 2019

  • Col furgone tampona mezzo pesante in A22, muore giovane veronese

  • Veronese violentata dopo una serata al Mascara, arrestato il branco

  • Volotea, due nuove rotte dal Catullo e l'offerta biglietti sfiora il milione

  • Quaterna fortunata messa a segno in provincia: vinti oltre 50 mila euro

Torna su
VeronaSera è in caricamento