menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il materiale sequestrato dalla Squadra Mobile nel corso dell'operazione

Il materiale sequestrato dalla Squadra Mobile nel corso dell'operazione

Spaccio di cocaina in provincia, 36enne in manette: fermato con quasi 2 chili

Alcune segnalazioni hanno messo gli uomini della Squadra Mobile di Verona sulle sue tracce e il 14 dicembre hanno deciso di sottoporlo a controllo, riuscendo a fermarlo dopo un breve inseguimento

Erano circa le ore 10 del 14 dicembre a Valeggio sul Mincio, quando gli uomini della Sezione Antidroga della Squadra Mobile della Questura di Verona, hanno portato a termine un'indagine di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti mettendo le manette ai polsi di E.Z., cittadino albanese classe 1984, pluripregidicato per reati del medesimo ambito. L'uomo sarebbe stato colto in flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di 1,876 chili di cocaina suddivisa in 2 mattonelle e 2 involucri da 50 grammi l’uno.
L'attività investigativa, coordinata dal Sostituto procuratore della Procura della Repubblica di Verona, la dottoressa Elisabetta Labate, è partita da alcune segnalazioni che raccontavano di una fiorente attività di spaccio composta da importanti quantitativi di cocaina, condotta da E.Z nella provincia scaligera ed in particolare a Valeggio. 

Dagli accertamenti effettuati dalle forze dell'ordine sarebbe emerso che l’uomo disponeva di un’immobile diverso dalla sua abitazione, apparentemente disabitato, e, attraverso mirati servizi svolti anche con l’aiuto di sistemi di videosorveglianza, sarebbero riusciti ad individuarlo e a monitorare i suoi movimenti.
Così nella mattinaya del 14 dicembre scorso, il personale della Squadra Mobile si è appostato nei pressi dello stabile per sottoporre a controllo il cittadino albanese, il quale poco prima era stato notato mentre riceveva da un uomo, giunto a bordo di una Volvo, un sacchetto di carta di colore bianco e rosso che poi sarebbe stato rinvenuto all'interno della sua auto. E.Z. dunque si sarebbe allontanato a bordo della sua Toyota quando gli agenti gli avrebbero intimato l'alt: l'uomo però anziché fermarsi si sarebbe dato ad una precipitosa fuga e durante l'inseguimento si sarebbe liberato di alcuni involucri, prontamente recuperati però dai polizioti che successivamente hanno rilevato la presenza di cocaina al loro interno. 

Gli uomini dell'Antidroga poi hanno eseguito una perquisizione dell'immobile tenuto sotto controllo, che avrebbe permesso di portare alla luce il materiale utile al frazionamento e confezionamento dello stupefacente.
E.Z. è stato dunque condotto nel carcere di Montorio, dove nella mattinata di venerdì,  all’esito della relativa udienza, il provvedimento è stato convalidato ed è stata disposta la custodia cautelare in carcere. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento