menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Soul System (Foto profilo Facebook)

Soul System (Foto profilo Facebook)

Gli "Swagga Boys" ancora avanti a X-Factor ed è già Soul System mania

Ancora una volta i veronesi Soul System hanno scatenato l'entusiasmo di pubblico e giudici durante la loro esibizione a X-Factor, conquistandosi l'accesso immediato al prossimo turno

Potranno anche non vincere questa decima edizione di X-Factor, ma i veronesi Soul System (con la presenza non da poco nel gruppo del cantante bresciano Leslie Sackey) saranno sicuramente ricordati quale band rivelazione del seguitissimo programma in onda il giovedì sera su Sky.

Nella puntata di ieri, 17 novembre, gli Swagga Boys hanno passato il turno con il pezzo di Kanye West e Jamie Foxx "Gold Digger", reinterpretandolo come al solito in modo estremamente originale, contribuendo a dargli una vivacità ed un'energia davvero notevoli. Tanto che al termine dell'esibizione, persino il conduttore del programma Alessandro Cattelan si è lasciato sfuggire un commento che vale più di mille elogi: "Comunque vada, a fine programma voglio due biglietti per il vostro primo concerto live".

E in effetti la sensazione è proprio quella che i Soul System siano già in grado di arrivare al grande pubblico, esplosivi e dinamici sul palco, con ottime doti canore e musicali, appaiono "già pronti" come ebbe a dire la scorsa settimana il pur sempre severissimo giudice Manuel Agnelli. A poco a poco, insomma, i ragazzi funky/soul, very black inside, sembrano essersi conquistati stima e fiducia da parte di tutto l'ambiente X-Factor. E pensare che per loro inizialmente era arrivata un'inaspettatissima eliminazione post Home Visit, con il loro giudice di riferimento Alvaro Soler che li aveva ripescati dopo la vicenda Jarvis. Ma ora quello che conta è il presente, o meglio il futuro, e in ogni caso, comunque vada...Swagga!!!

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento