menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sotterravano l'eroina da spacciare in centro citt

Sotterravano l'eroina da spacciare in centro citt

Sotterravano l'eroina da spacciare in centro citt

In un buco del terreno 75 grammi di droga divisi in dosi. Due pluripregiudicati in manette

Cambia il nascondiglio ma l’eroina rimane sulle strade cittadine. Anche del centro storico. Agli agenti della Squadra mobile della polizia è bastato riconoscerli a bordo di uno scooter per pedinarli e arrestarli. In manette, nella sera di venerdì 8 ottobre, sono finiti due pluripregiudicati, Anouar Ayari, tunisino di 35 anni, e Mohamed Hosni, marocchino di 22, entrambi senza fissa dimora, irregolari in Italia e disoccupati.

L’operazione è partita a Madonna di Dossobuono, a undici chilometri da Verona, dopo che gli agenti in pattuglia avevano riconosciuto i due pusher a bordo di uno scooter T-Max davanti al distributore Agip. Da lì è scattato il pedinamento che ha portato fino ad una zona isolata della campagna di Vallese di Oppeano. Dopo aver imboccato una strada sterrata, i due si sono fermati e hanno cominciato a rovistare in una zona del campo per nascondere la droga e sono risaliti sullo scooter per fare ritorno in città. Poi è entrata in azione la pattuglia che ha cercato di sbarrare la strada ai pusher, provocando un piccolo scontro che li ha fatti cadere a terra. Non è servito nemmeno il loro tentativo di fuga attraverso i campi. Dopo pochi metri sono stati fermati e ammanettati. Nel buco del terreno i poliziotti hanno recuperato 75 grammi di eroina divisi in piccole palline confezionate e pronte allo spaccio, valutata attorno a 2500 euro. “Gli spacciatori si stanno perfezionando. Sanno che ora le perquisizioni domiciliari sono all’ordine del giorno- spiega il dirigente della Mobile Giampaolo Trevisi- e quindi nascondono la droga in zone isolate di campagna, contrassegnandole con bastoni e sassi”. Ayari era già stato fermato dalla guardia di finanza circa una settimana fa per gli stessi reati e, successivamente, rimesso in libertà. Entrambi sono in carcere a Montorio.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento