menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sistema sanitario beffato "Servono pi controlli"

Caso del finto medico, l'assessore regionale alla Sanit, Coletto: "Verifichemo responsabilit"

“L’episodio del finto medico rintracciato dalla Municipale e dai carabinieri di Verona, per quanto grottesco possa sembrare, rientra in una considerazione più ampia sul lacunoso sistema informativo in uso all’Ordine dei medici e alle normative vigenti”. Questo il severo commento del comandante della polizia locale, Luigi Altamura, a margine della conferenza stampa per la chiusura dell’operazione “Allegro chirurgo”. Continua Altamura: “Sarebbe bastata una semplice foto nell'archivio competente. Si tratta di un pericolo che coinvolge la Sanità pubblica causato da Matteo Politi, un trentenne in possesso della sola licenza media. Con le sue semplici facoltà oratorie e una spiccata manualità è riuscito a beffare tutti i controlli preliminari sulla sua vera identità e qualifica”.

Un profilo, quello del finto dottore, tracciato chiaramente durante le indagini: “Aveva tre esigenze: la prima era quella di crearsi un posto di lavoro a tempo indeterminato, la seconda quella di subentrare come medico in qualche grande studio specialistico, e infine la volontà di aprire in proprio un grande poliambulatorio. Si tratta di una questione delicata come testimonia l’intervento dei Nas: nelle sue mani Politi aveva la salute di alcune persone e a quanto pare bastano poche centinaia di euro per comprare su internet una laurea ed entrare nel sistema sanitario nazionale. Questo la dice lunga sui controlli che una legge, che oggi non esiste, dovrebbe imporre: servono accertamenti a tappeto anche tramite rilievi fotografici e organi di vigilanza che prevengano i vari comportamenti anomali”.

A chiedere una completa chiarezza sull’accaduto è anche l’assessore regionale alla Sanità, Luca Coletto: “Chiederemo immediatamente ai responsabili di verificare dove ha esercitato, con che mansioni, e se è stato seguito il corretto iter per l’accensione del rapporto di lavoro o di collaborazione. Se emergerà qualche mancanza prenderemo le determinazioni del caso”.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento