Il sindaco di Torri del Benaco «Se arriviamo a 40 casi positivi chiudo il paese». Oggi sono 38

«Non vorrei passasse la linea che il sindaco parla ma non conclude nulla, - spiega inalberato il sindaco Stefano Nicotra - io vi dò la mia parola che se superiamo i 40 casi chiudo tutto»

Stefano Nicotra - sindaco di Torri del Benaco

Non le ha mai mandate a dire e tantomeno lo fa oggi. Il sindaco del Comune veronese di Torri del Benaco Stefano Nicotra ha confermato in un video messaggio, dai toni molto arrabbiati, la propria linea politica di contrasto al coronavirus Sars-CoV-2. Nicotra si è soffermato in particolare sulla vicenda di una bambina risultata positiva nella locale scuola del paese, strigliando letteralmente le famiglie che, a suo dire, non starebbero rispettando il divieto di tenere festicciole e ritrovi a casa.

Il sindaco di Torri ha promulgato negli scorsi giorni un'ordinanza molto restrittiva che vieta peraltro durante il weekend di ricevere a casa persone non conviventi, salvo che per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o urgenza. Lo stesso primo cittadino del Comune gardesano aveva già annunciato che se i contagi fossero saliti fino a quota 40 avrebbe preso provvedimenti ulteriori. Nelle ultime ore, attraverso il suo video messaggio, il sindaco Nicotra ha confermato tutto: «Non vorrei passasse la linea che il sindaco parla ma non conclude nulla, - spiega inalberato il primo cittadino di Torri del Benaco - io vi dò la mia parola che se superiamo i 40 casi chiudo tutto. Ma lo faccio! Percché avevo detto: "attenti al polo scolastico". Questo perché se è coinvolto un bambino, lo sono poi gli anziani, i genitori e le stesse insegnanti che a loro volta hanno genitori. Si muove insomma tutto un sistema che crea poi grossi problemi, ma vedo che ve ne fregate». 

La conclusione del video messaggio del sindaco di Torri del Benaco è quindi severissima: «Ripeto che il Comune, insieme all'Ulss 9 e alla direzione scolastica, scende in campo per sistemare il problema e capire attraverso i tamponi come siamo messi all'interno dell'istituto. Però vi assicuro che prenderò delle decisioni, simpatiche o no, questo non m'interessa, ma la vita deve essere rispettata, la propria e quella del prossimo. Se questo c'è qualcuno con la zucca dura che non lo capisce, glielo faremo capire». 

Il video messaggio del sindaco di Torri del Benaco

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Veneto verso l'arancione? Come funziona il calcolo che divide le Regioni in aree di rischio

Torna su
VeronaSera è in caricamento