rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Cronaca Via Santa Maria in Chiavica

Sicurezza, i dati della prefettura. Meno reati ma aumentano le rapine in casa

I reati in un anno sono passati da 33mila a quasi 28mila e nel complesso calano anche furti e rapine. Intanto, il prefetto Mulas ha emesso la sua tredicesima interdittiva antimafia

Un'interdittiva antimafia, la tredicesima firmata dal prefetto di Verona Salvatore Mulas, e l'arresto di una banda probabilmente responsabile di una serie di furti e rapine nelle abitazioni del villafranchese e della bassa. Sono stati questi i contenuti extra alla consueta conferenza stampa con cui ieri, 15 dicembre, sono stati forniti i dati sulla sicurezza in provincia di Verona relativi a questo 2017.

Ne scrive su L'Arena Alessandra Vaccari, riportando le cifre fornite dalla prefettura. Cifre in cui si legge un aumento delle persone e delle vetture controllate e un calo complessivo dei reati, passati da 33mila a quasi 28mila. Nel dettaglio sono diminuiti anche furti e rapine, ma tra le rapine sono aumentate quelle consumate in appartamento. Infine, uno dei dati di cui le forze dell'ordine sono particolarmente orgogliose è il fatto che tutti i casi di omicidio sono stati risolti.

Sulla tredicesima interdittiva emessa dal prefetto Mulas, per la prima volta è andata a colpire una cittadina straniera. Si tratta della compagna di un uomo già precedentemente colpito da un'interdittiva antimafia, punita per il suo ruolo da prestanome.

È stato invece il comandante provinciale dei carabinieri Ettore Bramato a fornire qualche dettaglio sull'arresto di quattro persone e il fermo di altre due, sospettati di essere gli autori di numerose rapine nella bassa. Recentemente avrebbero colpito a Villafranca e a Minerbe e i militari sarebbero riusciti anche a risalire ai luoghi dove la banda teneva nascosta la refurtiva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza, i dati della prefettura. Meno reati ma aumentano le rapine in casa

VeronaSera è in caricamento