menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sgominata banda di falsari, operavano anche a Negrar

Sgominata banda di falsari, operavano anche a Negrar

Sgominata banda di falsari, operavano anche a Negrar

Per trarre in inganno gli esperti usavano chiodi arrugginiti e materiali appositamente "invecchiati"

Dieci arresti, cinque persone denunciate, 47 dipinti falsi sequestrati per un valore di oltre cinque milioni di euro e la scoperta di due laboratori per la falsificazione delle opere d'arte. E' il bilancio dell'indagine condotta in gran parte del nord Italia (una perquisizione anche nel veronese, a Negrar) dai Carabinieri del Reparto Operativo Tutela Patrimonio Culturale.

Associazione per delinquere, contraffazione di opere d'arte e ricettazione i reati contestati, a vario titolo, agli indagati che erano riusciti a immettere, nei canali leciti del mercato dell'arte contemporanea, le opere d'arte contraffatte, dopo aver ottenuto da alcuni esperti, in modo fraudolento, le certificazioni di autenticità.

Twombly, Fontana, Balla, Scanavino, Reggiani, Crippa i maestri maggiormente falsificati dagli arrestati che, per falsificare le opere d'arte, utilizzavano soprattutto materiali originali dei primi del Novecento. Infatti, durante la perquisizione in uno dei due laboratori, individuati durante le attività investigative, sono state trovate non solo delle tele dell'Ottocento, ma anche chiodi arrugginiti, cornici e altro materiale dell'epoca, fondamentali per trarre in inganno gli esperti che poi avrebbero dovuto periziare i dipinti da immettere nel mercato dell'arte. 
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento