Ambulatori aperti per le visite gratuite durante "La Settimana Mondiale della Tiroide”

L'ospedale di Borgo Trento aderisce all'iniziativa con i suoi medici specialisti che accoglieranno i pazienti, al primo piano del padiglione n. 22 dell’ospedale di Borgo Trento, nei giorni di lunedì 18 e martedì 19 maggio dalle ore 15.00 alle ore 17.30

Nella settimana dal 18 al 25 maggio 2015, per sensibilizzare l’opinione pubblica al problema delle malattie della tiroide è stata indetta anche quest’anno “La Settimana Mondiale della Tiroide”, che permetterà ai cittadini di avere informazioni e una visita medica gratuita presso oltre 150 ospedali italiani.

In tale circostanza sono organizzate iniziative per fornire ai cittadini informazioni sulle malattie della tiroide (tumori, gozzo, tiroiditi, ipotiroidismo, ipertiroidismo), per propagandare l’uso appropriato di sale iodato, per sensibilizzare le donne gravide sull’importanza di una normale funzione tiroidea.

Il reparto di Endocrinologia, Diabetologia e Malattie del Metabolismo dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona, diretta dal prof. Enzo Bonora, partecipa a questa iniziativa con i suoi medici specialisti che apriranno le porte dei loro ambulatori, al primo piano del padiglione n. 22 dell’ospedale di Borgo Trento, nei giorni di lunedì 18 e martedì 19 maggio dalle ore 15.00 alle ore 17.30.

Saranno contemporaneamente a disposizione 8 medici che svolgeranno attività di consulenza breve sia per persone che non hanno mai eseguito esami riguardanti la tiroide che quelle che hanno già fatto accertamenti in merito (esami di laboratorio, ecografia, scintigrafia, ecc.). In questo caso è bene che i referti degli esami eseguiti in precedenza (anche i più datati) siano portati alla visita. Durante questa visita, se ne verrà rilevata l’opportunità, sarà eseguita anche un’ecografia della tiroide. La visita è gratuita.

Non c’è bisogno di impegnative né di prenotazione ma la dirigenza dell'ospedale prega i pazienti di non accedere tutti all’inizio dell’attività per evitare sovraffollamento.

"La patologia tiroidea – ricorda il prof. Bonora – è spesso non diagnosticata o trascurata. A volte alterazioni modeste della funzione (in difetto o in eccesso) o noduli tiroidei possono causare problemi di salute rilevanti. La diagnosi e la terapia non sono complessi e gran parte dei casi vengono ben controllati senza molti fastidi o giungono alla guarigione definitiva. L’endocrinologia di Verona, coi suoi 20 specialisti e i suoi 20 specializzandi, in collaborazione con radiologi, medici nucleari, laboratoristi, chirurghi e anatomopatologi, è una delle strutture italiane più dotate di risorse per affrontare al meglio la patologia tiroidea".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

  • Dopo l'abbandono, il piccolo Zeno lascia l'ospedale per andare in affidamento

Torna su
VeronaSera è in caricamento