Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca San Bonifacio / Via Libertà

Maxi sequestro di beni da parte della GdF per un'evasione di oltre 500.000 euro

Succede a San Bonifacio, dove gli amministratori di una società che dal 2010 al 2012 aveva gestito una nota discoteca, sono stati denunciati per un'evasione fiscale di oltre mezzo milione di euro

Le Fiamme Gialle di Soave hanno condotto a termine un'operazione di sequestro di beni immobili per oltre mezzo milione di euro, con sede a Colognola, Tregnago e Desenzano del Garda, dopo che i soggetti amministratori di una società che aveva precedentemente gestito una discoteca a San Bonifacio tra il 2010 e il 2012, erano stati denunciati per evasione fiscale di oltre 500mila euro, così come si evince dal comunicato che riportiamo di seguito:

 

A seguito di una verifica fiscale svolta dalla Tenenza di Soave nei confronti di una società che nel periodo dal 2010 al 2012 ha gestito una nota discoteca di San Bonifacio (VR), è emersa una rilevante evasione dell’IVA e delle Imposte sui Redditi per un importo superiore ai 500.000 euro, con conseguente denuncia all’A.G. scaligera dei soggetti risultati amministratori di diritto e di fatto della stessa. Al termine delle indagini, il G.I.P. presso il Tribunale di Verona ha emesso un provvedimento di sequestro preventivo dei beni nella disponibilità dell’effettivo gestore ed amministratore della discoteca. L’operazione di servizio svolta dalle Fiamme Gialle di Soave si è conclusa con il sequestro dei beni immobili riconducibili all’indagato, ubicati a Colognola ai Colli, Tregnago e Desenzano del Garda per un controvalore di oltre 500.000 euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi sequestro di beni da parte della GdF per un'evasione di oltre 500.000 euro

VeronaSera è in caricamento