menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Segnalato al 113 per i furti sulle auto in sosta, finisce di nuovo in manette

Una cittadina lo ha visto "al lavoro" in piazzale XXV aprile ed ha avvisato le forze dell'ordine che sono subito intervenute: l'uomo era già gravato dall'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria

Sulla sua testa già gravava la misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria emessa nel 2016 dal tribunale di Milano, in seguito ad una condanna per reati contro il patrimonio, e nella serata di venerdì le volanti della questura di Verona lo hanno colto nuovamente con le mani nel sacco. Si tratta di K.B., classe 1981 marocchino, in Italia senza fissa dimora, già noto alle forze dell'ordine per i suoi precedenti di polizia.

Il nordafricano è stato arrestato per furto aggravato su autovettura, in seguito alla segnalazione di una cittadina che ha assistito al colpo messo a segno in piazzale XXV aprile, a Verona, dal balcone della sua abitazione. Il ladro è stato visto avvicinarsi ad una macchina regolarmente parcheggiata dalla quale ha asportato alcuni oggetti, per poi ripetere la stessa operazione ai danni di un altro veicolo posteggiato poco lontano. 
Una volta arrivata la segnalazione della donna, la centrale operativa ha inviato immediatamente sul posto un equipaggio di volante, che ha intercettato il sospettato nei pressi del secondo mezzo depredato. K.B. si è subito innervosito alla vista delle forze dell'ordine e la perquisizione personale ha permesso di rivenire un pass intestato alla proprietaria del primo mezzo, una tessera per parcheggio auto, due custodie in similpelle contenenti i documenti del mezzo ed alcune fotografie.
Ammanettato, il nordafricano è stato quindi condotto nelle celle di sicurezza della questura in attesa del rito per direttissima. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento