menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Scuola senza soldi, genitori fanno colletta

Scuola senza soldi, genitori fanno colletta

Scuola senza soldi, genitori fanno colletta

Raccolti oltre 1700 euro donati alle medie delle Golosine

Scuole in difficoltà, i genitori degli alunni dell’Istituto Comprensivo Verona 12 delle Golosine scendono in campo. Il Comitato genitori ha donato alle scuole Medie delle Golosine oltre 1700 euro come contributo alla spesa dei collegamenti Adsl nei plessi scolastici. Soldi ricavati dalla vendita realizzata dalle bancarelle allestite in occasione della consegna delle schede di valutazione di febbraio. Ulteriori 434 euro sono stati versati a ProgettoMondoMlal per un progetto di solidarietà ad Haiti.

“Come cittadini, non solo come genitori, chiediamo allo Stato di mettere le Scuole nella condizione di poter funzionare, assegnando in tempi certi risorse adeguate –hanno detto i genitori- All’ente locale, chiediamo la capacità di recepire i bisogni e le difficoltà oggettive delle scuole, di dirottare le risorse disponibili a sostegno delle priorità: pagamento utenze, attività formativa e progettuale, materiale didattico, di pulizia, eccetera. Perché la scuola è un bene di tutti e difenderla è nell’interesse del futuro dell’intero Paese: ormai i finanziamenti alla scuola sono inesistenti, ma siamo tutti consapevoli di ciò che sta accadendo nella Scuola?”

E intanto, sulla scia della protesta dei genitori, le scuole Medie Verona 12 hanno comunicato all’assessore all’istruzione Alberto Benetti l’impossibilità di partecipare alla prossima edizione di Maggioscuola. “Considerando l’oggettiva situazione finanziaria in cui versano le scuole, si propone una riflessione sull’opportunità di ripensare la manifestazione in oggetto, che rischia di diventare uno splendido e costoso contenitore, di contenuti sempre più impoveriti. Forse, i preziosi finanziamenti comunali potrebbero risultare maggiormente utili se impiegati a sostegno dei progetti formativi delle scuole stesse. Forse, in una situazione in cui le scuole sono costrette a chiudere l’Adsl e a chiedere il contributo dei genitori per l’acquisto dei materiali didattici e di pulizia, varrebbe la pena di ridefinire le priorità e di stringere una più forte alleanza tra Scuole e Amministrazione comunale” ha fatto sapere la dirigenza scolastica.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento