Al via la demolizione della scuola dell’infanzia “Alessandri”, il sindaco: "Finalmente"

A breve partirà la ricostruzione, la cui conclusione è prevista per il 2019 e condurrà alla realizzazione di uno "stabile scolastico moderno e funzionale". Costo complessivo dell'operazione 1 milione 700 mila euro

Sindaco Sboarina e Ass. Zanotto visionano i lavori

È iniziata ieri mattina la demolizione della scuola dell’infanzia “Alessandri” di Parona, resa inagibile dal sisma del 2012 per danni strutturali. I lavori proseguiranno fino alla prossima settimana, con la completa demolizione del fabbricato fuori terra e di tutte le superfici pavimentate esterne. Sul cantiere si sono recati il Sindaco Federico Sboarina e l’assessore ai Lavori pubblici Luca Zanotto.

Nel mese di febbraio 2018, dopo i lavori di bonifica bellica, seguiranno gli interventi di demolizione del piano interrato e dello scavo per la realizzazione del nuovo fabbricato. «Finalmente sono partiti a Parona i lavori di demolizione della struttura danneggiata – ha sottolineato il Sindaco Sboarina –. Subito dopo partirà la ricostruzione, la cui conclusione è prevista per il 2019 e che porterà alla realizzazione di uno stabile scolastico moderno e funzionale, con una dimensione leggermente superiore a quello preesistente e tre sezioni destinate ad ospitare ottanta bambini». 

«La nuova scuola di Parona – ha ricordato l’assessore Zanotto –, sarà un edificio con un piano interrato di circa 145 metri quadrati e un piano terra di 700 metri quadri. La nuova costruzione sarà dotata di vani complementari per cucina, lavanderia, depositi, centrale termica, giardino e arredi esterni». I costi d’intervento, che avranno una spesa complessiva di 1 milione 700 mila euro, sono ripartiti in 117.700 euro per lavori di demolizione e preparazione delle aree; 20.130 euro per interventi di bonifica bellica; 1.239.810 euro per la ricostruzione del fabbricato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Iniziati ad aprile, i primi interventi, immediatamente sospesi per il ritrovamento nella struttura di materiali contenenti amianto, hanno riguardato la rimozione di Fibre artificiali vetrose – Fav e l’inizio della demolizione di alcune porzioni della facciata. L’iter di autorizzazione alla rimozione e la ricerca di ulteriori agenti contaminanti hanno fermato il cantiere fino al riavvio di questa mattina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La bella iniziativa del Comune di Bussolengo che favorisce il turismo e andrebbe imitata

  • Coronavirus: in Veneto segnalati +29 casi positivi, a Verona +263 isolamenti in un giorno

  • Coronavirus: a Verona segnalati +20 casi in 24 ore e crescono gli attuali positivi in Veneto

  • Rischio temporali in Veneto anche sul Garda e in Lessinia: l'allerta della protezione civile

  • Si è spento il veronese Alberto Bauli, re del Pandoro

  • Nuovi casi positivi al coronavirus nel territorio veronese: tutti i Comuni di appartenenza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento