menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scoperto a spacciare davanti al Sert, ingoia la cocaina e viene arrestato

I carabinieri hanno notato lo scambio furtivo tra lui e l'acquirente, così sono intervenuti, senza riuscire però ad evitare che il pusher mandasse giù lo stupefacente che nascondeva in bocca

Solo pochi giorni fa altre due persone erano finite in manette per essere state sorprese a spacciare droga vicino al Sert di Verona e martedì la stessa cosa è capitata ad un cittadino nordafricano.

Nel pomeriggio, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno notato un giovane di origini cingalesi che, in maniera furtiva, consegnava dei soldi al tunisino classe 1983, disoccupato e pluripregiudicato, il quale poi si è messo le mani in bocca per estrarre qualcosa da consegnare all'acquirente. Insospettiti da questa scena, gli uomini dell'Arma sono intervenuti trovando anche la piena collaborazione del compratore (che poi sarà segnalato alla Prefettura come assuntore), il quale ha confermato di aver acquistato dello stupefacente. Stando a quanto riportato dai carabinieri, il cingalese avrebbe ammesso di essersi recato al Servizio per le Tossicodipendenze di via Germania non solo per ricevere la solita dose di metadone, ma anche nella speranza di trovare un buon pusher e recuperare della droga per un pomeriggio “di festeggiamenti”.
E in effetti aveva trovato chi cercava: il tunisino attendeva solamente un acquirente per vendere una delle dosi che custodiva in bocca insieme alle altre.
L’intervento dei carabinieri non è bastato però a bloccare il pluripregiudicato dall’ingoiare le altre “palline” di cocaina che nascondeva sotto la lingua: è nata così una breve colluttazione per tentare di bloccare l’uomo dall’insano gesto. Tentativo risultato però vano e il nordafricano è stato comunque arrestato per spaccio di sostanza stupefacente e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Nella direttissima che si è tenuta mercoledì mattina, il giudice ha convalidato il provvedimento e disposto nei confronti dell'uomo la misura cautelare del carcere, in attesa del processo che sarà devoluto al tribunale in composizione collegiale il 13 settembre. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento