rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca

Scoperto laboratorio abusivo gestito da cinesi

Nella piccola fabbrica tessile lavoravano "in nero" 5 operai, 4 erano clandesini

La Guardia di finanza ha scovato l’ennesimo laboratorio tessile abusivo gestito da cinesi. L’azione delle fiamme gialle della tenenza di Villafranca di Verona, in collaborazione con l’Inps e lo Spisal di Verona, ha portato all’individuazione della fabbrica fuori legge, la quale al catasto era dichiarata come magazzino. All’interno del laboratorio, inoltre, sono stati trovati 5 lavoratori “in nero”, 4 dei quali clandestini.

La piccola fabbrica abusiva è stata scovata grazie ad un’intensa azione di monitoraggio del territorio attraverso l’analisi dei contratti di locazione commerciale, lo studio degli scostamenti significativi dei consumi energetici e l’osservazione notturna. Nel loro blitz i finanzieri sono riusciti ad intervenire in modo risoluto nonostante la presenza nell’area esterna dell’opificio di alcune telecamere poste per prevenire eventuali controlli. Questo per la Guardia di finanza è un ulteriore risultato portato nel contrasto del fenomeno dei laboratori tessili gestiti da cittadini cinesi.

Le fiamme giallo hanno voluto sottolineare alla stampa la situazione di assoluta precarietà sotto il profilo della sicurezza sul lavoro ed igienico-sanitario, nonché le violazioni alle norme urbanistiche per quanto riguarda la destinazione d’uso dei locali stessi. Nel frattempo è scattata anche la verifica fiscale con l'obiettivo di recuperare le somme sottratte al fisco. Il titolare della ditta è stato denunciato per il reato di favoreggiamento all’immigrazione clandestina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scoperto laboratorio abusivo gestito da cinesi

VeronaSera è in caricamento