rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca Bussolengo / Località Ferlina

Scoperti a rubare all''Auchan, picchiano le guardie: quattro in manette

Tre maggiorenni ed un minore sono finiti in manette nel pomeriggio di sabato al centro commerciale Le Porte dell'Adige, dopo aver cercato di mettere a segno un furtarello all'interno del supermercato

Inizialmente sembrava fosse scoppiata una rissa all’interno del supermercato Auchan, situato nel centro commerciale Le Porte dell'Adige, invece alla fine si trattava di una rapina impropria. Era il primo pomeiggio di sabato 2 febbraio, quando una pattuglia dei carabinieri della stazione di Bussolengo è intervenuta sul posto in seguito ad una segnalazione, dove ha trovato 4 individui di origine kossovara, già noti alle forze dell'ordine, tre dei quali di un'età compresa tra i 25 e i 30 anni, ed un minore poco più che 16enne: provenienti tutti dalla provincia di Brescia, sono stati sorpresi dal personale addetto alla vigilanza del punto vendita a compiere un furto, così, per assicurarsi la fuga, avevano aggredito le guardie private. 
Solamente l'arrivo degli uomini dell'Arma ha messo fine alla violenta colluttazione, che ha costretto i due addetti a ricorrere alle cure mediche presso il pronto soccorso dell’ospedale di Bussolengo con prognosi di 15 e 10 giorni. 

Una reazione particolarmente aggressiva secondo gli operatori, ritenuta sproporzionata per un furto di modesta entità. I tre maggiorenni sono stati dunque arrestati per rapina impropria. Portati nel carcere di Montorio, martedì hanno visto il Gip convalidare il provvedimento a loro carico, disponendo per uno gli arresti domiciliari presso la propria abitazione a Sulzano, mentre per gli altri due è scattato l’obbligo di presentazione quotidiana alla stazione locale dell'Arma. 
Per quanto riguarda il minore, il giorno stesso è stato deferito all'autorità giudiziaria competente e affidato ad un parente. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scoperti a rubare all''Auchan, picchiano le guardie: quattro in manette

VeronaSera è in caricamento