menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Scoperta banda di giovani, rubavano soldi e sigarette

Scoperta banda di giovani, rubavano soldi e sigarette

Scoperta banda di giovani, rubavano soldi e sigarette

Arrestato Emanuele Scalabrin, classe '90. Con due suoi amici avrebbe messo a segno diversi colpi

Soldi facili e sigarette. Probabilmente era questo che spingeva quei tre giovani a commettere i loro furtarelli. Il brivido dello scassinare i distributori di sigarette, recuperare la refurtiva e dileguarsi nella notte. Un’avventura criminale che durava dall’inizio dell’anno e che ieri ha avuto fine per uno di loro. 

Questa notte i carabinieri della stazione di San Michele extra durante un apposito servizio di prevenzione contro il fenomeno dei furti in zona, hanno tratto in arresto in flagranza di reato un cittadino italiano, colto con i suoi complici nell’atto di perpetrare un furto. Si tratta di Emanuele Scalabrin, classe ’90, con un precedente a suo carico commesso quando ancora era minorenne. Ancora a piede libero e senza volto gli altri due. 

Secondo la ricostruzione dei militari dell’Arma il giovane, avrebbe portato a segno con alcuni complici almeno 9 atti di manomissione, sempre ai danni dei distributori automatici di sigarette dei tabaccai della zona. A seconda del modello e dalla tecnica utilizzata, sarebbero riusciti sempre a rubare pacchetti di sigarette e gli spiccioli del resto. Un bottino che ogni sera fruttava tra i 20 e i 30 euro. Presumibilmente i tre agivano sempre a tarda notte, intorno alle due e mezza, con azioni rapide. Operavano sempre in zona e per gli uomini dell’Arma è stato facile trovarli, grazie a degli appostamenti con agenti in borghese. Stavolta i tre ragazzi avevano scelto la tabaccheria di via Cernisone. Non si sarebbero accontentati di scassinare: pare che questa volta abbiano sfondato la macchinetta con un piede di porco. Dopo il solito colpo veloce, si sarebbero allontanati a piedi, non accorgendosi degli uomini in borghese che li avevano identificati e che li seguivano a piedi. 

L’atto finale si sarebbe svolto in piazza del Popolo:
 i carabinieri sono usciti allo scoperto provvedendo all’arresto, mentre i due complici si davano alla fuga. Stamattina l'arresto è stato convalidato.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento