menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Scontro sui Cie. Il Pdl boccia la linea leghista

Scontro sui Cie. Il Pdl boccia la linea leghista

Scontro sui Cie. Il Pdl boccia la linea leghista

Bozza: "Si apra un tavolo di confronto". Ipotesi a Villafranca, il sindaco: "Non si pu fare"

L’ennesimo capitolo sulla questione Cie (Centri di immigrazione ed espulsione) a Verona, si consuma tutta all’interno della maggioranza in Provincia. Stamane l’incontro al palazzo Scaligero voluto dal capogruppo Pdl, Alberto Bozza, in preparazione al Consiglio provinciale di domani, per il quale è già pronta una mozione del Pd a firma Vincenzo D’Arienzo. “Non siamo d’accordo con il centrosinistra che vuole escludere a priori la costituzione del Cie a Verona- annuncia Bozza- Anzi, siamo pronti a cominciare i lavori. Tuttavia chiediamo anche noi maggior chiarezza, o perlomeno un tavolo condiviso con la Lega che tempo fa aveva avanzato, anche per voce del sindaco Tosi, l’individuazione di alcuni siti nel triangolo Isola Rizza- Oppeano- Bovolone. Scelte che hanno creato non poco allarmismo sia negli amministratori locali, sia nei cittadini. A nostro parere tutte le ipotesi formate non sono idonee, e tutto ciò che chiediamo è che venga stabilito un tavolo di confronto per individuare la scelta e attuare un importante punto del Governo che abbiamo sottoscritto a livello nazionale”.

Tre sono i criteri che Bozza e il Pdl porteranno sui banchi del Consiglio: distanza ragionevole dai centri abitati, adeguate connessioni viabilistiche ed aeroportuali, e idonee misure di sicurezza per garantire tranquillità sul territorio candidato ad ospitare. Nessun sito scelto per il Pdl, nonostante la querelle innestata da Tosi e ribadita dal ministro dell’Interno Maroni in persona, che il weekend scorso, sul Garda, aveva rilanciato l’ipotesi di chiudere la “questione” entro fine mese. Ipotesi anch’essa difficile da realizzare entro i tempi previsti, qualora il tavolo di confronto venisse convocato con tutte le parti interessate. “Tutti d’accordo che il centro serva”, sembrerebbe il leit-motiv della maggioranza. Ma resta da stabilire “dove”. Nel triangolo Isola Rizza- Oppeano- Bovolone è tutto scongiurato. Non perché il Cie non “si vuole”, ma, come precisa il sindaco e onorevole leghista di Oppeano, Alessandro Montagnoli “La zona interessata è stata oggetto di richiesta da parte del Comune per farne infrastrutture a vantaggio della cittadinanza: c’è un interessamento della Croce Rossa, del Genio pontieri e per un eventuale complesso fieristico del mobile. Resta il fatto che il Cie serve a Verona”.

“Serve”, come già ribadito anche dal sindaco Tosi che a seguito del colloquio con Maroni aveva espresso la possibilità di insediarlo in zona Sacra Famiglia, in via Gelmetto. “Sono solo ipotesi che noi, a differenza di Pd e Pdl portiamo all’attenzione- annuncia il vicepresidente della Provincia Fabio Venturi- Anche in via Gelmetto sembra che la situazione non possa essere portata avanti per l’interessamento dell’esercito. Non imponiamo nulla a nessuno, ma ci dobbiamo attenere al programma di Governo che dispone l’eventuale apertura qui da noi. Il resto, è solo demagogia. Tutti vogliono i Cie ma nessuno a casa ‘propria’”.

Compatto, il Carroccio scaligero, nel ritenere chiusa la questione entro luglio, come nell’annuncio di Maroni. Continua Venturi: “Si chiuderà alla fine del mese e non è fuori discussione che si sposti l’attenzione su Villafranca, proprio per la vicinanza all’aeroporto e la distanza dai centri abitati. L’unico dubbio rimane circa la vicinanza di confine alla pista d’atterraggio”.

Serrata la battuta del sindaco di Villafranca, Mario Faccioli: “Mi sembra pura e semplice demagogia. Le cose sembrano andare alla rovescia con politici di ogni parte che rilanciano nuove e strampalate ipotesi sui Cie. Qui da noi, a Villafranca non si può fare: innanzitutto perché sarebbe molto vicino al centro abitato, e poi perché l’intera zona è interessata dall’aeronautica militare per il loro Terzo stormo. Se e quando si farà il Cie, dovranno dirlo i tecnici del ministero provenienti da Roma, non il sindaco Tosi o chi per lui”.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento