Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Guerriglia e lacrimogeni a Verona: serata di scontri tra manifestanti e polizia

I manifestanti si sono riuniti in piazza Cittadella e poi in piazza Brà, per dirigersi verso la Prefettura. Ma dopo i primi minuti di protesta pacifica, la situazione è precipitata nella zona di piazza Erbe

 

È stata una serata di scontri tra manifestanti e forze di polizia, quella del 28 ottobre a Verona, al termine della quale sono state fermate 12 persone, le cui posizioni e responsabilità saranno valute dagli uomini della Questura, mentre 5 agenti sono rimasti feriti

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Video diffuso via WhatsApp

Secondo quanto appreso dalla Polizia di Stato, il tutto ha preso il via intorno alle ore 21 in piazza Cittadella, dove inizialmente si è radunata una folla di circa 300-400 persone, che si è poi spostata in piazza Brà dove si sono aggiunti altri gruppi, fino a formare un corteo (di cui la Questura non era stata avvisata) che avrebbe contato circa 1500 individui (dato fornito dalle forze dell'ordine). Sempre secondo quanto riferito dalle forze dell'ordine, tra questi sarebbero stati presenti anche commercianti, insieme a venetisti, componenti dell'estrema destra e ultras, che dopo essersi raccolti hanno fatto partire il corteo a piedi che ha percorso via Roma, corso Cavour, corso Porta Borsari ed è arrivato in piazza Erbe, con l'obiettivo di raggiungere la Prefettura in via Santa Maria Antica. Lungo il tragitto la manifestazione si è svolta in modo pacifico, con i partecipanti che hanno duramente contestato il Governo all'urlo di «Vogliamo lavorare!»

A monitorare la situazione era presente la Polizia di Stato con i Reparti Mobili, i rinforzi del reparto di Padova e la Digos, che per circa mezzora avrebbe cercato di mediare per non far raggiungere la Prefettura al corteo, quando sarebbero partite le prime spinte e i primi contatti, seguiti poi da un lancio di oggetti. Stando alla Questura, bottiglie, petardi, sedie di alcuni bar e anche bombe carta sarebbero state indirizzate verso gli agenti, dando vita ad una serie tafferugli durati fino alle 23.30 circa. La Celere avrebbe risposto agli attacchi dapprima con una carica di alleggerimento, arrivando ad utilizzare i lacrimogeni per disperdere i manifestanti più violenti. 

Una volta "svuotato" il campo di battaglia, hanno subito preso il via le indagini e la conta dei feriti. Come detto, 5 agenti sono hanno riportato alcune ferite, mentre 12 persone sono state fermate subito dopo e portate in Questura, dove sono al vaglio le loro posizioni. La Digos nel frattempo sta visionando i filmati delle telecamere della zona, per identificare i partecipanti e valutare poi le singole responsabilità. 
Una manifestazione insomma che poco ha avuto a che fare con quella pacifica che si è svolta la stessa mattina in piazza Brà

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento