menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ultraleggero distrutto dopo l'incidente

L'ultraleggero distrutto dopo l'incidente

Schianto ultraleggero in Sardegna, aperte due inchieste. Il dolore dei parenti

Tanta incredulità il giorno dopo tra i parenti di Franco Castagna e Marica Magrini, le due vittime del terribile incidente in Gallura che ha visto precipitare l'aereo ultraleggero con a bordo i due veronesi

Erano partiti da Verona e sarebbero dovuti atterrare in Sardegna al campo di volo di Vignola, ma il loro ultraleggero si è schiantato sulla scogliera della Costa Paradiso in provincia di Sassari. L'aereo ha iniziato a perdere quota improvvisamente e quando si trovava a circa 30 metri da terra non ha più smesso di oscillare, probabilmente per il forte vento, fino a schiantarsi sulle rocce.

A bordo vi erano Franco Castagna di 63 anni e Marica Magrini di 53, sua amica di lunga data con la quale condivideva da tempo la passione per il volo. Il primo era persona molto nota a Verona, titolare di una ditta piuttosto importante con sede a Lugagnano di Sona che si occupa di prevenzione degli incendi, mentre Marica Magrini gestiva una struttura ricettiva nel quartiere di Borgo Roma.

Erano entrambi piloti, Castagna abile con gli elicotteri aveva meno esperienza con gli ultraleggeri. Dopo essere partiti da Isola Rizza, prima dello schianto di ieri verso le 12, avevano già fatto una tappa a Livorno, poi la probabile avaria al motore, quando mancavano solo 100 metri all'arrivo, ha trasformato in una tragedia quello che doveva restare un piacevole hobby. Enorme il dolore di amci e parenti, tutti increduli per quanto avvenuto: Morena Magrini, ha ricordato in un'intervista a L'Arena di come sua sorella avesse salutato felice il marito prima della partenza, oltre ai bei momenti appena trascorsi insieme per festeggiare il compleanno della madre. Incredulità anche per la moglie di Franco Castagna, Patrizia che dopo aver appreso la notizia ha chiamato i due figli per comunicare loro l'accaduto ed aiutarli a gestire un momento così difficile e doloroso.

In seguito al terribile impatto dell'ultraleggero contro la scogliera, sul luogo dell'incidente erano arrivati i vigili del fuoco di Tempio Pausania, oltre agli agenti della polizia, i carabinieri e i soccorritori del 118. I corpi dei due veronesi sono stati ritrovati carbonizzati e il velivolo completamente avvolto dalle fiamme. Ora la procura di Sassari ha aperto un'inchiesta per l'accertamento di eventuali responsabilità, mentre vi sarà anche un'inchiesta tecnica con il direttore dell'Enac di Olbia impegnato a trasmettere gli atti all'Agenzia nazionale sicurezza volo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento