Incubo di viaggiatori e studenti: schiaffi e pugni sul treno. 25enne arrestato

Gli era stato imposto il divieto di allontanamento dal Comune di Nogara, che avrebbe spesso violato per andare a chiedere l'elemosina ad Ala e Rovereto in treno, dove avrebbe aggredito i passeggeri senza motivo numerose volte

Controlli Polfer in stazione

Gli era stato imposto il divieto di allontanarsi dal comune di Nogara con obbligo di firma dai carabinieri ma D.I., nigeriano di 25 anni, secondo le forze dell'ordine spesso non lo rispettava e si recava ad Ala o Rovereto per chiedere l’elemosina in centro, prendendosela durante i suoi viaggi e senza motivo con chiunque.

Senza un apparente motivo, avrebbe preso di mira i viaggiatori con schiaffi, pugni e calci, spesso minacciandoli di non sporgere denuncia. Le vittime sarebbero state in particolare studenti, alcuni addirittura minorenni, in taluni casi costretti a cambiare le proprie abitudini di vita, come ad esempio essere autorizzati ad entrare più tardi a scuola o dover essere accompagnati dai genitori.

Dalle numerose denunce raccolte fino alle semplici segnalazioni ricevute, il primo passo degli investigatori della Polizia Ferroviaria di Verona è stato quello di cercare un collegamento tra i vari episodi, recuperando ogni informazione sui diversi eventi accaduti sulla tratta ferroviaria Bonferraro – Nogara e sulla Nogara - Verona.

Le indagini, svolte dalla squadra di Polizia giudiziaria del Compartimento di Polizia Ferroviaria “per Verona ed il Trentino Alto Adige”, con sede a Verona, hanno portato in breve tempo ad identificare l’autore, grazie anche alla collaborazione delle vittime, monitorando e documentando i suoi continui spostamenti verso il Trentino, in particolar modo nelle città di Ala e Rovereto dove è stato più volte fermato dai carabinieri e dalla Polizia Ferroviaria per vari motivi.

L’arrestato, che gli investigatori avrebbero scoperto essere inoltre l’autore di più aggressioni sempre ai danni di viaggiatori e dipendenti delle ferrovie commessi quest’anno in varie province della Lombardia, si sarebbe reso responsabile di diversi reati commessi nei confronti di appartenenti alle forze dell’ordine, non ultimo il recente evento accaduto in centro a Rovereto la scorsa settimana, dove sono intervenute pattuglie dei carabinieri e del commissariato di Polizia di Stato della Questura trentina.

Sono state le articolate informative sui fatti documentati, inviate dalle varie forze dell’ordine al Tribunale di Brescia, a far disporre venerdì la custodia cautelare in carcere, in luogo dell’obbligo di dimora e di firma.

Sono bastate poche ore dalla firma del provvedimento ai poliziotti del settore di Polizia giudiziaria del Compartimento Polizia ferroviaria di Verona per intercettare il giovane nigeriano alla stazione ferroviaria di Porta Nuova, appena sceso dal treno Regionale che proveniva da Rovereto, dove è stato dichiarato in arresto e condotto come disposto presso il carcere di Brescia a disposizione dell’autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Covid-19, in Veneto 107 decessi in 24 ore. 27 tra Verona e provincia

  • Nuovi chiarimenti della Regione sull'ordinanza di Zaia: sì a camminate gruppi nordic walking

  • Un hotel extra lusso nel cuore di Verona al posto degli ex uffici Unicredit

  • Il Veneto resta zona gialla, ora è ufficiale. Presidente Zaia: «Non abbassiamo la guardia»

Torna su
VeronaSera è in caricamento