Sboarina proroga ordinanze Ztl e assembramenti. Polemica segnale luminoso: «Testo originale della Lega»

Il primo cittadino di Verona fa sapere di prorogare i provvedimenti sull'accesso libero in Ztl e contro gli affollamenti, in attesa dell'ordinanza regionale per valutare il da farsi sui mercati. Sul «passeggio vietato in centro», chiarisce: «Testo suggerito dal vicesindaco della Lega»

 

Nel corso della mattinata di oggi, lunedì 23 novembre, il sindaco di Verona Federico Sboarina ha tenuto una conferenza stampa dedicata all'emergenza coronavirus. Il primo cittadino si è in particolare soffermato inizialmente sul weekend appena trascorso: «Le cose sono andate bene anche questo fine settimana e per questo ringrazio i cittadini veronesi che hanno compreso di dover evitare le situazioni di affollamento».

Il sindaco è poi tornato ad affrontare la polemica relativa al segnale luminoso apposto all'ingresso della città che indicava il «divieto di passeggio» in centro stabilito dall'ordinanza regionale: «Già da domenica scorsa, - ha detto Sboarina - quel messaggio non c'era più, non è che è intervenuto qualcuno a dirmi cosa devo fare. Quel messaggio era figlio dell'ordinanza del giorno prima fatta dal presidente Zaia». Lo stesso Sboarina ha poi rivelato che il testo del messaggio originale «mi è stato proposto dalla Lega, dal vicesindaco che ha la delega alla Mobilità e al Traffico, e che io ho condiviso». Durante l'ultimo fine settimana, invece, ha quindi precisato il sindaco, «avendo la necessità di garantire l'aspetto sanitario, ma anche far sì che la città non sia deserta, ho deciso di concerto con polizia locale e prefetto di fare dei controlli diversi, più dinamici per capire se si creassero o meno assembramenti in centro».

Sboarina ha quindi ricordato che l'ordinanza regionale di Zaia scadeva ieri, così come erano in scadenza anche delle ordinanze sindacali: «Si tratta di quella sui mercati, così come di quella sull'accesso libero in Ztl dalle 10 alle 22, per favorire la vendita d'asporto e che viene prorogata di un'altra settimana. Viene inoltre prorogata di una settimana anche l'altra ordinanza anti-assembramenti che avevo fatta relativa al divieto di stazionamento ed alcune chiusure anticipate di aree della città».

In merito ai mercati, il sindaco ha infine spiegato: «Sto aspettando l'ordinanza regionale, ed è chiaro che se verrà prorogata questa lo sarà anche quella da me fatta per allinearmi. Mi sto però ponendo la questione del mercato di piazza Erbe per permettere durante la settimana di stare aperti con una perimetrazione e dunque sto valutando un provvedimento ad hoc. Sicuramente con il mercato dello Stadio - ha poi concluso il sindaco - continueremo ad andare avanti fino al prossimo fine settimana come fatto finora, in attesa di eventuali provvedimenti del Governo o ipotetici cambi della fascia di rischio».

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento