Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca Peschiera del Garda / Lungo Lago Garibaldi

Sbaglia il tuffo dal barcone e precipita sul battazzo: ragazzo in fin di vita

Un 26enne di Peschiera è alla clinica Pederzoli nel reparto di Rianimazione e terapia intensiva in gravi condizioni in seguito ad un incidente avvenuto nella zona del lungolago Garibaldi a Peschiera

Un tuffo sconsiderato riscia di costare caro ad un ragazzo di 26 anni di Peschiera del Garda, ricoverato ora alla clinica Pederzoli nel reparto di Rianimazione e terapia intensiva in gravi condizioni.

Valentino Lekaj, questo il suo nome, di origini albanesi e residente nella località di Porto Vecchio, è salito con un amico sulla motonave "Regina del Garda" della Navigarda, ancorata in fondo al lungolago Garibaldi. I cartelli di piccole dimensioni, ma ben visibili, che si trovano sullo scafo, avvisano che l'accesso all'area è vietato, ma giovani di tutte le età la utilizzano comunque come trampolino. 

Valentino è uno di questi, non è la prima volta che si reca nella zona per fare qualche tuffo, ma stavolta qualcosa è andato storto. Forse lo slancio insufficente o una scivolata, fatto sta che il ragazzo non è riuscito a proiettarsi in acqua, cadendo così sul battazzo, la passerella in acciaio che circonda lo scafo, tenendolo separato dal pontile quando è in ormeggio. A questo punto Valentino ha forse perso in sensi ed è finito in acqua, che in quel punto è profonda almeno tre metri. L'amico che era con lui a questo punto ha iniziato a gridare lanciando l'allarme. Per fortuna che a quell'ora il lungolago è molto frequentato. 

I primi ad arrivare sono stati tre minorenni della zona che stavano prendendo il sole. D.Z., 15 anni, si è tuffato in acqua seguendo le bole d'aria che arrivavano in superficie, e tra le alghe è riuscito ad intravedere una gamba, ma le sue sole energie non bastavano per portare in salvo il 26enne. È tornato quindi in superficie per chiedere aiuto. Un suo amico è arrivato in suo soccorso ma per il recupero serviva la forza di qualcuno con qualche anno in più. 

Provvidenziale l'intervento di Davide Ghidini, che lottando faticosamente contro la corrente è riuscito a portare il ferito fino alle scalette da dove è stato possibile issarlo sulla terra ferma. Valentino è stato subito preso in consegna dai sanitari, mentre sul posto sono arrivati anche i carabinieri di Peschiera e gli agenti della squadra nautica della polizia. Sul posto era già presente sia l'ambulanza della clinica Pederzoli che l'elicottero di Verona Emergenza pronto per partire in direzion Borgo Trento. Ma le condizioni del ragazzo hanno spinto i medici ad optare per la struttura sanitari più vicina.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sbaglia il tuffo dal barcone e precipita sul battazzo: ragazzo in fin di vita

VeronaSera è in caricamento