menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Saranno veronesi gli allenatori del futuro

Saranno veronesi gli allenatori del futuro

Saranno veronesi gli allenatori del futuro

Firmato un accordo quadriennale tra la facolt di Scienze Motorie e il Coni

L'Università degli Studi di Verona, facoltà di Medicina e chirurgia e facoltà di Scienze motorie, e il Coni, comitato olimpico nazionale italiano, hanno firmato un protocollo d’intesa che ha come finalità la cooperazione e la promozione degli scambi scientifici tra i settori dell’ateneo scaligero e l’istituto di Medicina e Scienza dello sport Antonio Venerando di Roma. Le due realtà uniranno obiettivi e competenze in un accordo quadriennale. Ogni istituzione potrà proporre, nell’ambito delle aree di ricerca di comune interesse, specifici progetti di studio i cui risultati potranno essere utilizzati per pubblicazioni scientifiche.

“Questo protocollo è la testimonianza della grande sensibilità del Coni nei confronti dell’università" – ha spiegato l’onorevole Giorgetti, sottosegretario all’Economia. "Ringrazio tutti gli attori di questo accordo, che rappresenta un ulteriore elemento di relazione tra il Coni e Verona".

“Ringrazio il sottosegretario Giorgetti, sempre molto sensibile alle questioni veronesi, e Petrucci per questa importante occasione", ha dichiarato il Rettore Aelssandro Mazzucco. "Si tratta di una grande opportunità, un'ulteriore occasione di sviluppo per il nostro ateneo. Ci tengo a ricordare che Medicina è una delle facoltà più solide del Paese e, giusto qualche anno fa, ha generato un’altra facoltà, quella di Scienze motorie, che è stata riconosciuta dal Censis come la migliore in Italia.

Quello che firmiamo oggi è un protocollo che prevede la realizzazione di singole azioni che porteremo avanti puntando sulle nostre competenze. Da una parte nell’ambito della fisiologia dello sport. Ricordo che a Rovereto l’ateneo ha creato un istituto di studio e ricerca sulla attività fisica in alta montagna, una realtà che di certo potrà interessare al Coni. Dall’altra parte la competenza dell’università nel campo della medicina dello sport. I futuri allenatori potrebbero nascere dunque a Verona. Questa è proprio una delle linee di Scienze motorie e del protocollo stesso’.

‘Il Coni ha accettato la proposta con grande piacere" – ha commentato Gianni Petrucci, presidente del Comitato Olimpico Nazionale - "soprattutto perché quella di Verona è un’università di eccellenza che approfondisce argomenti di nostro interesse. Noi ci mettiamo lo sport, l’università ci mette il prestigio e le competenze. In fondo Verona ha dato i natali a tanti campioni e i risultati non si raggiungono per caso. Non conta solo il Dna, ma anche la volontà di approfondire e di sacrificarsi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento