Cronaca San Pietro in Cariano / Via Chopin

San Pietro in Cariano, spara a gattina e la uccide a pestoni: denuncia della LAV

Un uomo avrebbe fucilato una gatta e poi l'avrebbe finita prendendola a calci dentro un sacchetto. Testimoni raccontano tutto alla Lega Antivivisezione che sporge denuncia

Non solo avvelenamenti, ma uccisioni di animali con armi da fuoco e non solo. L'Arena riporta un triste episodio denunciato dalla Lega Antivivisezione alle autorità. Nella mattina del 7 settembre, un imprenditore ottantenne di San Pietro in Cariano avrebbe sparato contro una gattina e poi avrebbe finito di ucciderla chiudendola in un sacchetto e pestandola con i piedi. Tre testimoni avrebbero assistito all'atroce scena, riferendo tutto agli attivisti della Lav.

Ora sulla vicenda sta indagando il Corpo Forestale dello Stato. Secondo quanto riporta la denuncia, la gatta avrebbe graffiato il telo di copertura della gabbia degli uccellini nell'orto dell'ottantennne, il quale avrebbe sparato al felino, forse con un fucile ad aria compressa. Dopo che i vicini hanno assistito alla scena e hanno interpellato la Lav, è stata presentata denuncia ed è stato consegnato anche il cadavere della povera gattina. Le prime analisi sul corpo sembrerebbero confermare quanto raccontato dai testimoni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Pietro in Cariano, spara a gattina e la uccide a pestoni: denuncia della LAV

VeronaSera è in caricamento