Cronaca Porto San Pancrazio / Lungadige Galtarossa

Falso profilo o terrorista? Salvini condivide post di un residente a Verona

Si chiama Hamza Benagdoul, vive a Verona con la sua famiglia e su Facebook ha scritto di voler compiere un attentato come a Berlino. Il messaggio era stato cancellato, ma il leader della Lega lo ha ricondiviso

Si chiama Hamza Benagdoul, vive a Verona con la sua famiglia e pare che il 12 gennaio scorso abbia scritto su Facebook questo minaccioso messaggio: "Questi italiani si meritano un camion sulla folla come a Berlino. Ci vorrebbe uno in ogni piazza. Non hanno rispetto di noi musulmani, non possiamo pregare dove vogliamo, non possiamo avere nostre moschee, questa è verità. Io sono qui da qualche anno e vedo questo. Voglio prendere un camion e fare un bel lavoro contro di loro. Per amore di Allah".

Il post è stato cancellato e potrebbe essere benissimo un fake, un messaggio falso, come tanti ne girano su Facebook, per deridere o irritare alcuni utenti. E se l'intento fosse stato quello di irritare, la missione è stata raggiunta con successo anche grazie all'aiuto di Matteo Salvini che ieri pomeriggio, 4 febbraio, ha condiviso l'immagine del messaggio con questo commento: "Ma l'ha scritto davvero??? L'hanno fotografato, adesso pare l'abbia cancellato, ma lui blatera ancora. Mentre la Boldrini va a caccia di critici su FB, c'è gente che inneggia al terrorismo e col profilo ancora aperto. Vi pare normale???".

Non si capisce se la prima domanda di Salvini sia retorica oppure no. Cioè non è chiaro quanto Salvini sia convinto della veridicità del post. Probabilmente non l'ha controllata. Ad interessarsi a controllarla sono state invece le forze dell'ordine che indagavano per capire se Hamza Benagdoul fosse davvero un terrorista.

Inevitabile infine la sequela di insulti e minacce che nel profilo di Hamza Benagdoul sono stati scritti dopo la pubblicazione del post di Salvini.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falso profilo o terrorista? Salvini condivide post di un residente a Verona

VeronaSera è in caricamento