Venerdì, 15 Ottobre 2021
Cronaca Centro storico / Piazza Brà

Il prefetto Mulas ai Veronesi: "Contro le mafie non abbassate la guardia"

Salvatore Mulas, prefetto di Verona, da quando è arrivato in città ha firmato già due interdittive antimafie rivolte a due aziende veronesi. Le infiltrazioni della criminalità organizzata sul territorio sono un problema da non sottovalutare

La mafia a Verona? C'è eccome. Questa volta ad affermarlo non è una persona qualsiasi, ma direttamente il prefetto della città Salvatore Mulas. Verona città splendida e che fa della sicurezza un suo punto di forza, ma quella sicurezza piace anche alle organizzazioni criminali che considerano il capoluogo scaligero una vera e propria cassaforte per i propri investimenti. Dunque allerta e vigilanza, perché le infiltrazioni della criminalità organizzata nel Nord Italia non sono affatto una diceria, bensì comprovata realtà.

Da quando è arrivato in città il prefetto Mulas ha già apposto la propria firma in calce a due interdittive antimafie, rivolte a due aziende veronesi, la Nico.Fer e la Gri.Ka, imponendo loro il divieto di partcipare a bandi pubblici. E il problema sta proprio qui: si tratta d'impedire che il tarlo della criminalità organizzata arrivi a contaminare l'amministrazione pubblica, oltre che il tessuto commerciale costituito dai tanti validi imprenditori locali. Come riferito dall'Arena, Salvatore Mulas su questo punto è estremeamente convincente: "Le organizzazioni criminali usano la nostra città come cassaforte. I Veronesi sono bravissimi a creare ricchezza ma devono stare attenti che questa ricchezza non venga aggredita. Lo ripeto ovunque vada, ai politici, alle forze dell'ordine, agli imprenditori: quando vieni preso nella morsa della Mafia, non te ne liberi più. Se la 'ndrangheta è riuscita ad arrivare in Germania, volete che non riesca ad arrivare nel nord Italia? Il movimento terra, la progettazione, sono quelli i settori dove la malavita organizzata punta a infilarsi. Resta di una pericolosità assoluta. Non abbassate la guardia, non finirò mai di dirlo".

Anche su un altro tema molto caldo, vale a dire quello dell'accoglienza profughi, il prefetto Mulas non ha mai smesso di rivendicare la propria posizione, tanto precisa e netta quanto spesso ignorata da più parti: si tratta di accogliere, e bisogna pure farlo bene. Ciò significa che è necessario essere in molti pronti a prestare aiuto, consentendo così un'organizzazione e distribuzione degli arrivi coordinata tra i diversi Comuni della provincia e volta ad evitare il sovraffollamento, privilegiando piccole strutture rispetto ai grandi assembramenti in stile Costagrande. Come riporta l'Arena sul tema Mulas non ha poi mancato di fare chiarezza anche attraverso i numeri: "Se tutti dessero la loro disponibilità, non ci sarebbe più alcun problema, con poco più di mille persone arrivate in una provincia da quasi un milione di residenti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il prefetto Mulas ai Veronesi: "Contro le mafie non abbassate la guardia"

VeronaSera è in caricamento