Giovane padre di famiglia viene stroncato da un infarto a soli 25 anni nel cuore della notte

Salvatore Chiodo l'altro ieri aveva finito di lavorare alle 23, dopodiché si era diretto a casa dalla sua fidanzata e dalla sua piccola ed è andato a letto ma verso le sei del mattino è arrivato il malore

Un'inaspettata e tragica fatalità che ha lascia senza parole, quella che l'altro ieri si è verificata in un'abitazione di via Torquato Tasso, a Cherubine, nel comune di Cerea. Salvatore Chiodo, 25 anni, esperto barista e padre di famiglia, è stato colto da un infarto nel suo letto nel bel mezzo della notte: un malore improvviso che lo ha stroncato. A nulla infatti sono serviti i soccorsi prestati dal personale del 118 giunto sul posto con un'ambulanza: il 25enne è morto durante la corsa all'ospedale di Legnago. 

Salvo, come lo chiamavano parenti e amici, originario di Alcamo in provincia di Palermo e residente a Cerea dal 200, lascia la fidanzata Valentina e la figlia Matilde. La coppia, come si legge sulle pagine de L'Arena, conviveva in un appartamento al piano superiore della bifamiliare condivisa coi genitori del ragazzo e da poco aveva battezzato la piccola. I due stavano anche programmando il matrimonio, invece la giovane donna si trova già ad affrontare una perdita così dura e inaspettata. 

Al giornale L'Arena, un parente racconta che il 25enne quella sera aveva terminato il turno di lavoro alle 23 e una volta a casa si è messo a dormire. Poi alle 5.45 il dolore, il cuore che cede e il giovane che se ne va. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Artigiano muore folgorato in strada mentre lavora: inutili i soccorsi del 118

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 17 al 19 gennaio 2020

  • Trovano un vero arsenale nella sua casa: 42enne finisce in manette

  • Operaio morto sul lavoro a Legnago, assolto rappresentante dell'azienda

  • Tocca con la motosega i cavi dell'alta tensione: non c'è stato scampo per il 46enne

Torna su
VeronaSera è in caricamento