rotate-mobile
Cronaca

Sale sul cornicione, salvata in extremis dai carabinieri

Protagonista una 48enne palermitana. Estremo gesto sventato al comune di San Giovanni in Lupatoto.

Ha tentato di farla finita dopo un colloquio negli uffici comunali a San Giovanni Lupatoto. È successo questa mattina poco prima delle 11. Autrice del gesto una donna di 48 anni ma residente nel comune lupatotino.

Dopo essere stata ricevuta dal sindaco e dagli operatori dei servizi sociali che la seguono già da tempo, nonostante le assicurazioni di nuovi aiuti ricevute, la donna è salita al piano più alto del municipio e si è appesa al vuoto. Provvidenziale è stato l’intervento dei carabinieri e dei vigili urbani che, afferrandola per la parte superiore del corpo, l’hanno trascinata all’interno dei locali comunali. Dopo i primi soccorsi la donna è stata trasportata al policlinico “Giambattista Rossi” di borgo Roma.


Quarantotto anni, la donna vive a San Giovanni insieme a due figli e una nipote e lavora quattro ore a settimana per una ditta di pulizie. Il comune, che già in passato l'aveva aiutata economicamente, le ha determinato un sussidio per consentirle di vivere dignitosamente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sale sul cornicione, salvata in extremis dai carabinieri

VeronaSera è in caricamento