Cronaca

Saldi invernali: bilancio positivo per i primi due giorni di sconti

Le promozioni dell'epifania sembrano aver conquistato i consumatori, anche se tra i maggiori acquirenti per i negozi veronesi sembrano esserci numerosi turisti russi e cinesi

Crisi o non crisi, sembra proprio che a Verona il primo weekend di saldi sia andato piuttosto bene, complice forse l'aria di festa che ancora si respirava nel capoluogo scaligero. I commercianti della provincia infatti sembrano dichiararsi piuttosto soddisfatti, anche se pesa ancora l'idea che non sarà possibile raggiungere i risultati dell'anno passato.

TURISTI IN PRIMA LINEA - A fare da vera e propria locomotiva per i saldi invernali appena iniziati sembra essere stata una sorprendente ondata di turisti russi e cinesi; alcuni gruppi sono arrivati appositamente in città per approfittare dell'inizio dei saldi ed hanno preso di mira in particolare i negozi delle grandi griffe, che in molti casi partecipano per la prima volta alle promozioni. I commercianti scaligeri non possono che accogliere con soddisfazione l'arrivo degli stranieri, considerando che è facile che tra gli italiani ci sarà meno entusiasmo.

PARERI DISCORDI - Prima dei saldi "ufficiali", comunque, in molti avevano già lanciato promozioni e liquidazoni di ogni tipo, e forse anche grazie a queste iniziative si erano preparate le prime proiezioni. Anche le associazioni di categoria e dei consumatori si dividono sulle previsioni: secondo Confcommercio la spesa media di famiglia in questi saldi sarà di 359 euro per comprare abbigliamento ed accessori. Federconsumatori e Adusbef stimano un calo del 18,8% della spesa rispetto all'anno scorso, con un budget rispettivamente di 219 euro per Adusbef e di 224 euro a famiglia per il Condacons.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Saldi invernali: bilancio positivo per i primi due giorni di sconti

VeronaSera è in caricamento