menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sakineh, in 1682 firmano contro la lapidazione

Sakineh, in 1682 firmano contro la lapidazione

Sakineh, in 1682 firmano contro la lapidazione

La raccolta promossa dall'assessore Di Dio verr consegnata ai ministri Frattini e Carfagna

Anche Verona si muove contro la lapidazione in Iran. L'assessorato alle Pari opportunità ha raccolto 1682 firme a sostegno della vita di Sakineh, dopo che nei giorni scorsi aveva deciso di unirsi alla mobilitazione internazionale contro la sentenza di condanna alla lapidazione della donna iraniana, esponendone il ritratto sull’anfiteatro Arena dal 10 al 26 settembre. Lo rende noto l’assessore Vittorio Di Dio, che nei prossimi giorni si farà carico di inviare le firme raccolte ai ministri degli Esteri, Franco Frattini e delle Pari opportunità Mara Carfagna, “invitandoli –spiega Di Dio- a moltiplicare gli sforzi e a continuare ad esercitare tutte le pressioni diplomatiche possibili, al fine di chiedere alle autorità iraniane il rispetto della vita di Sakineh, unitamente alla rinuncia a produrre strumenti di distruzione di massa”.

“Anche Verona si è mobilitata contro l’inaccettabile e vergognosa sentenza che condannava Sakineh alla lapidazione –continua Di Dio- tanto che in poco più di due settimane quasi 1700 persone si sono recate agli uffici dell’assessorato per sottoscrivere il documento di solidarietà. Noi non sappiamo se Sakineh sia responsabile dell’uccisione del marito: non vogliamo sostituirci ai giudici, tantomeno pretendiamo di entrare nei vicende interne di un altro Stato.

Ma pretendiamo che si salvi la vita a Sakineh perché per noi, come per il ministero degli Esteri italiano e per tutti i Paesi che si sono mobilitati, questa donna è diventata un simbolo: il simbolo della battaglia per l’affermazione dei diritti umani fondamentali, a partire dal diritto alla vita e della necessità di ricercare il dialogo ad ogni costo. Salvare Sakineh significa porre una pietra miliare, per costruire e non per uccidere, affinchè nasca, in Iran come altrove, una società più umana e più giusta”.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento