menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rubano in un ristorante ma vengono trovati poco lontano: 2 giovani nei guai

Una segnalazione di un cittadino ha portato gli agenti delle Volanti nel cortile dell’Archivio di Stato, dove si trovava la coppia che poco prima aveva messo a segno un furto in un'esercizio commerciale di via del Pontiere

Due giovani sono stati arrestati nella notte tra il 14 e il 15 luglio dagli agenti idelle Volanti della Questura di Verona, per il reato di tentato furto aggravato commesso ai danni di un esercizio commerciale del centro.

La segnalazione è arrivata alla Centrale Operativa da parte di un cittadino, la cui attenzione era stata attirata in piena notte dal forte rumore prodotto da individui che si aggiravano con delle torce all’interno del cortile dell’Archivio di Stato, situato in via Delle Franceschine a Verona. Inviati dunque sul posto, i poliziotti hanno scavalcato il cancello d’ingresso della struttura e silenziosamente hanno iniziato a muoversi nella direzione da cui provenivano degli inconfondibili rumori metallici. A quel punto le forze dell'ordine hanno notato un ragazzo e una ragazza stazionare lungo la prima rampa della scala antincendio del palazzo.

Raggiunti i due, gli agenti hanno trovato a terra un trancino da elettricista e un cassetto di un registratore di cassa, parzialmente forzato, sul quale sedeva il giovane nel tentativo di nasconderlo alla vista della Polizia. Inoltre, accanto ai ragazzi, è stato rinvenuto un sacchetto contenente un telefono cellulare, delle bottiglie di alcolici, un guanto da giardiniere e una torcia elettrica. 
Dopo aver cercato di giustificare la loro presenza in quel luogo con spiegazioni poco credibili, i giovani alla fine hanno confessato spontaneamente di aver asportato tutta la merce, compresi il cassetto del registratore di cassa e il telefono cellulare, da un ristorante poco lontano.

Gli agenti allora hanno raccolto le indicazioni utili ad individuare l'attività in cui era stato commesso il furto e si sono diretti in via Del Pontiere, al civico 27, notando che la porta laterale del ristorante “Deep” era aperta. All’interno, il registratore di cassa è stato trovato con i fili recisi e senza il cassetto contenente il denaro, mentre nei frigoriferi erano ancora presenti alcune bottiglie di vino e birra con marca corrispondente a quelle ritrovate in possesso dei ragazzi.

M.C.A., 25enne originario della Romania, e P.A., 21enne italiana, sono stati dunque arrestati. Su disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica, il primo è stato dunque portato nelle camere di sicurezza della Questura mentre la ragazza è stata accompagnata nella sua abitazione. Lunedì mattina, presso il Tribunale di Verona, è stato celebrato il rito direttissimo, al termine del quale il giudice, dopo aver convalidato l'arresto, ha disposto nei confronti di M.C.A. la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria presso la stazione dei Carabinieri di Peri. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento