Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca Centro storico / Via Cappello

Penna e calamaio per celebrare con una frase Shakespeare e la sua opera

“Romeo e Giulietta, il manoscritto di Verona” è l'iniziativa che prenderà il via il 14 febbraio e che dà la possibilità a visitatori, turisti e studenti di trascrivere il celebre dramma un pezzo alla volta

È rivolta a tutti i cittadini l’iniziativa “Romeo e Giulietta, il manoscritto di Verona”, promossa dal Club di Giulietta in collaborazione con il Comune in occasione del 400° anniversario della morte di William Shakespeare.
Visitatori, turisti e studenti potranno copiare a mano, con penna e calamaio, una singola frase della celebre opera shakespeariana, fino al completamento del testo, sia in lingua italiana sia nella versione originale inglese. Il manoscritto potrà essere copiato dal 14 febbraio al 23 aprile, anniversario della scomparsa di Shakespeare e Giornata Mondiale del Libro indetta dall’Unesco, nelle postazioni allestite in Biblioteca Civica, nella Casa di Giulietta e al Club di Giulietta. I fogli manoscritti, redatti alla maniera antica, andranno a formare un prezioso volume che sarà esposto in un luogo significativo della città.
Il progetto è stato presentato questa mattina a Palazzo Barbieri dal consigliere comunale incaricato alla Cultura Antonia Pavesi insieme al presidente del Club di Giulietta Giovanna Tamassia; presenti Luca Brunoro, ideatore del manoscritto, il conduttore del premio Cara Giulietta Marco Ongaro e, in rappresentanza degli sponsor, Piergiorgio Zingarlini (Banca Popolare di Verona), Alberto Rey (Pelikan Italia) e Emma Stepan (Agsm).
Un evento davvero unico ed originale – spiega Pavesi – che si inerisce perfettamente nell’atmosfera romantica di Verona in Love”.

A trascrivere il primo verso dell’opera sarà il Sindaco Flavio Tosi, domenica 14 febbraio alle 11, alla casa di Giulietta, in occasione della cerimonia di inaugurazione dell’iniziativa.
Sabato 13 febbraio, alle 17, la Casa di Giulietta ospiterà invece il Premio “Cara Giulietta” alle lettere più belle giunte da tutto il mondo. Saranno premiati Iva Crnaric, medico di Zagabria, la portoricana Yanira Enid Sánchez Opio e l’italiano Pietro Beneventi, pescatore di Comacchio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Penna e calamaio per celebrare con una frase Shakespeare e la sua opera

VeronaSera è in caricamento