Cronaca Zai / Via Basso Acquar

Prova a rivendere la merce rubata alla vittima stessa del furto: arrestato

In manette un 27enne di Balconi di Pescantina accusato di estorsione e ricettazione. Avrebbe commissionato il furto dell'impianto audio del Garden Sporting, per poi provare a venderlo allo stesso proprietario

Il tentativo di estorsione messo in atto da Vincenzo Travaglino, 27 anni incensurato e residente a Balconi di Pecantina anche se originario di Acerra, non è certamente finito come il suo autore sperava.

Vincenzo aveva svolto dei lavori di allestimento di un evento per conto della ditta di cui è dipendente (risultata estranea ai fatti) al circolo sportivo di Basso Acquar Garden Sporting, conosciuto anche come l'ex circolo Enel. Approfittando della situazione, e di una confidenza fatta da uno dei proprietari, il giovane aveva studiato un piano per sottrarre mixer e impianto audio dal locale, indivuando una porta facile da scassinare. Travaglino ha poi commissionato il furto ad altri due italiani con precedenti penali. 

Una volta compiuto il colpo, il ragazzo è tornato al circolo dicendosi disponibile, in confidenza, a cercare su internet qualcuno che vendesse il materiale e a fare addirittura da tramite per la compravendita. Il proprietario però si è subito insospettito e ha deciso di stare al "gioco". Ha quindi assecondato il ragazzo e, una volta ottenute le fotografie della merce rubata, avrebbe accettato di pagare 1400 euro per riaverne una parte, ossia le casse. Prima però ha anche deciso di passare dalla questura a denunciare il tutto. 

La Squadra Mobile ha subito messo in moto la procedura del caso, fotocopiando le banconote e tenendo sotto controllo la casa di Travaglino al momento dell'incontro. Proprio le fotografie della strumentazione avrebbero incastrato il 27enne, sullo sfondo infatti si potevano riconoscere le mattonelle del garage di casa. La parte rimanente della refurtiva è stata trovata in casa di uno degli altri due complici. 

Vincenzo Travaglino è stato arrestato per estrosione e ricettazione e, dopo la convalida, si trova ora ai domiciliari. Mentre proseguono le indagini sugli altri due complici per capire le reali responsabilità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prova a rivendere la merce rubata alla vittima stessa del furto: arrestato

VeronaSera è in caricamento