rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cronaca San Bonifacio / Via Udine

Violenta rissa: volano calci e pugni, poi spuntano bastoni e un coltello

Il feroce litigio è scoppiato in via Udine, a San Bonifacio, nella notte tra giovedì e venerdì, con 5 uomini tra i 18 e i 30 anni come protagonisti, che alla fine sono stati tutti identificati dai carabinieri

Una violenta lite ha movimentato la notte tra giovedì e venerdì a San Bonifacio. Erano circa le ore 1 quando cinque cittadini marocchini, tre dei quali pregiudicati ed irregolari, hanno scatenato il parapiglia dando luogo ad una furiosa rissa in va Udine a suon di pugni e calci, nella quale sono spuntati anche bastoni e persino un coltello. Impauriti e preoccupati, diversi cittadini si sono rivolti ai carabinieri, che quando sono arrivati sul posto si sono subito imbattuti in due dei partecipanti, trovandoli distesi a terra e sanguinanti, mentre gli altri avevano già tagliato la corda. 

Sono scattate così le ricerche degli uomini dell'Arma, supportati dai colleghi della Compagnia di Intervento Operativo del 4° Battaglione Carabinieri “Veneto”, attualmente in rinforzo nella zona, che hanno permesso di rintracciare gli altri partecipanti al crudo scontro al Pronto soccorso e nelle vie cittadine. 
4 dei 5 protagonisti, tutti di età compresa tra i 18 ed i 30 anni, infatti sono stati costretti a ricorrere alle cure dell'ospedale Fracastoro, a causa delle ferite, anche da taglio, riportate nella lite e giudicate guaribili con prognosi tra i 10 ed i 20 giorni. Dopodiché sono stati tutti condotti in caserma per le operazioni di identificazione, mentre sulle motivazioni che hanno portato al litigio sono ancora in corso le indagini. Grazie agli accertamenti dattiloscopici, gli investigatori hanno scoperto che O.H., 28enne senza fissa dimora ed irregolare, risultava destinatario dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere, in aggravamento alla misura di presentazione alla polizia giudiziaria, alla quale era già sottoposto per una rapina commessa a Verona il 9 aprile. 
L'uomo quindi è stato portato nel carcere di Montorio, mentre gli altri 4 sono stati deferiti in stato di libertà per rissa e lesioni aggravate in concorso. I militari inoltre hanno trovato e sequestrato il coltello ed i bastoni utilizzati nella rissa, nonostante il tentativo di sbarazzarsene da parte dei protagonisti. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenta rissa: volano calci e pugni, poi spuntano bastoni e un coltello

VeronaSera è in caricamento