Rifiuti tossici nel rio Lorì, denunciata una ditta: titolari colti in flagrante

I cittadini avrebbero individuato il punto in cui verosimilmente sarebbe avvenuto lo scarico illecito e lo hanno segnalato ai carabinieri di Verona, che hanno inviato sul posto alcuni agenti in borghese

Soddisfatto l’assessore all’Ambiente Ilaria Segala. “Erano giorni che monitoravano la situazione – ha detto l’assessore -. Il Lorì è un elemento ambientale molto prezioso per il nostro territorio, mi stupisco che ci siano persone così maleducate e irrispettose. Per fortuna ci sono cittadini sempre più sensibili e attenti alle tematiche ambientali, sono le nostre sentinelle sul territorio e in questo caso sono state fondamentali per risolvere la situazione in poco tempo. I social e i cellulari ci danno informazioni in tempo reale, usiamoli anche per il bene della comunità”.

Epilogo positivo per la vicenda del Lorì inquinato dallo sversamento di colore. Il caso, seguito direttamente dall’Amministrazione comunale di Verona per l’importanza sul fronte ambientale, è stato risolto grazie alla segnalazione dei cittadini e al conseguente intervento del Corpo Forestale dei Carabinieri scaligeri.

Nei giorni scorsi i social avevano diffuso le immagini del Lorì in cui le acque erano evidentemente impregnate di sostanza nociva, passando dal limpido al biancastro. Da qui l’allerta di cittadini e residenti, preoccupati per la flora e la fauna che popolano il rio che attraversa Avesa.

Grazie ad alcune verifiche, i cittadini hanno individuato il punto da dove, verosimilmente, sarebbe stato scaricato il colorante. Senza aspettare tempo, è partita subito la richiesta di intervento al 112, che a loro volta hanno immediatamente inviato sul posto alcuni agenti in borghese.

Non sarebbe stato difficile individuare i colpevoli: i titolari di una ditta locale sarebbero stati colti in fragrante mentre si sbarazzavano di materiale che a loro non serviva più. Denunciati all’Autorità giudiziaria, dovranno rispondere per reato di inquinamento di falda.

Soddisfatto l’assessore all’Ambiente Ilaria Segala. «Erano giorni che monitoravano la situazione – ha detto l’assessore -. Il Lorì è un elemento ambientale molto prezioso per il nostro territorio, mi stupisco che ci siano persone così maleducate e irrispettose. Per fortuna ci sono cittadini sempre più sensibili e attenti alle tematiche ambientali, sono le nostre sentinelle sul territorio e in questo caso sono state fondamentali per risolvere la situazione in poco tempo. I social e i cellulari ci danno informazioni in tempo reale, usiamoli anche per il bene della comunità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La "nuova" zona arancione: cosa cambia per il Veneto con l'ultimo Dpcm, tutte le regole 

  • Secondo il presidente dell'Ordine dei medici di Venezia il Veneto va «verso la zona rossa»

  • Speranza presenta il nuovo Dpcm: «Alle 18 nei bar stop asporto, musei aperti in zona gialla»

  • Covid-19, un grafico divide l'Italia in province: Verona indicata come "zona rossa"

  • Firmato il Dpcm: rivoluzione spostamenti, bar ed enoteche stop asporto dalle 18. Le novità

  • Drammatico incidente tra furgone e camion in A22: morto un 31enne di Lazise

Torna su
VeronaSera è in caricamento