menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Riciclaggio, fermato con 230mila euro in auto

Riciclaggio, fermato con 230mila euro in auto

Riciclaggio, fermato con 230mila euro in auto

In manette sull'A4 finito un 42enne pregiudicato partito da Milano e diretto a Trento

Il suo cellulare non smetteva di suonare nemmeno durante l’interrogatorio in questura. C’era chi, dall’altra parte del telefono, voleva sapere a che punto era il “suo” corriere. Non poteva certo immaginare che un’ora prima era stato fermato, con 230mila euro in contanti a bordo di un Audi A3, da una pattuglia della polizia stradale di Verona Sud. Una somma sui cui calano i sospetti di riciclaggio per una partita di droga già venduta.


In manette, alle 5e40 dello scorso 7 ottobre, è finito Mohammed Charid, pregiudicato 42enne di origini marocchine, con una condanna di 3 anni per detenzione di stupefacenti a fini di spaccio alle spalle. Per lui il fermo è scattato sull’A4, all’altezza di Castelnuovo del Garda. Un semplice accertamento degli agenti, nell’auto, è bastato a far emergere la borsa di denaro nascosta sotto il sedile del passeggero: sette buste di plastica che contenevano mazzette di denaro già divise in tagli. Totale 229.100 euro, di cui lo stesso 42enne non ha dato spiegazioni. Zero risposte anche circa lo scomparto ricavato sul davanti, tra la mascherina dell’auto e il radiatore. Lì, con tutta probabilità, veniva nascosta la droga. “Sono soltanto un corriere”, ha ammesso, dopo essere stato condotto in questura. Ha dichiarato che doveva soltanto trasportare del denaro da Milano a Trento. Commissione che gli avrebbe fruttato 400 euro. Ad accoglierlo sarebbe stata una persona a lui ignota, con il quale si teneva in contatto tramite cellulare. La polizia sta cercando tuttora di risalire all’identità di quest’ultima utenza: risulterebbe a nome, palesemente fittizio, di un cittadino cinese, incensurato. Una pista potrebbe condurre anche alla proprietaria dell’Audi usata, una milanese nullatenente, che aveva concesso l’auto al marocchino, il giorno stesso del suo arrivo a Milano dalla Spagna via aereo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento