Ricercati in manette in stazione: uno per rapina, l'altro per contrabbando di tabacchi

La Polfer li ha individuati nel fine settimana allo scalo ferroviario di Verona Porta Nuova: si tratta di un 22enne di origine spagnola e un 36enne di origine rumena

La Polizia ferroviaria al lavoro nella stazione di Verona

Due cittadini stranieri, un 22enne di origine spagnola e un 36enne di origine rumena, sono stati arrestati dalla Polizia Ferroviaria alla stazione di Verona Porta Nuova: entrambi risultavano ricercati rispettivamente dalle autorità giudiziarie di Francia e Romania.

Sabato scorso, il ragazzo di origine iberica è stato notato dai poliziotti scendere, con fare sospetto, da un convoglio giunto in stazione da Milano. Fermato, il 22enne è risultato, da un controllo nella banca dati “Schengen”, ricercato per rapina. L’uomo è stato condotto nel carcere a Verona a disposizione dell’autorità giudiziaria italiana per l’avvio delle successive procedure di estradizione. Ora rischia fino a 10 anni di carcere.

Nelle prime ore della notte di domenica, invece, gli agenti hanno fermato per l’identificazione, sempre presso lo scalo ferroviario scaligero, un ragazzo rumeno che stava aspettando di partire in autobus per la Spagna. Lo straniero, sottoposto a controllo, è risultato ricercato dalle autorità romena per contrabbando di tabacchi, che prevede una pena di due anni. Condotto nel carcere veronese, è stata avviata, anche per lui, la procedura di estradizione verso la Romania per essere giudicato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Giovane veronese muore in un incidente il giorno del compleanno al rientro dal lavoro

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

Torna su
VeronaSera è in caricamento