Cronaca Centro storico / Corte Giorgio Zanconati, 1

Perseguita la ex e la ricatta con filmati a luci rosse: condannato a 8 anni

Vittima una donna veronese che lavorava come commessa in un negozio

È arrivata dopo il rito abbreviato una condanna a otto anni di carcere per il 37enne di origini algerine che avrebbe per anni ricattato una donna veronese, commessa in un negozio. Secondo le accuse a lui rivolte, i due si sarebbero conosciuti nel 2016 e nel corso della loro frequentazione lui sarebbe riuscito a girare qualche video hard con i quali, una volta conclusasi la relazione, avrebbe poi continuato a ricattare la donna minacciando di diffonderli.

In cambio il 37enne avrebbe preteso rapporti sessuali che la donna aveva però smesso di voler concedere. Una vicenda giudiziaria dai risvolti inquietanti quella raccontata quest'oggi dal quotidianao L'Arena. L'insistenza dell'uomo sarebbe stata ossessionante e avrebbe reso la vita della commessa un incubo. Attesa fuori dal posto di lavoro prima del rientro a casa, ma anche continue richieste via messaggi, sono alcune delle circostanze contestate all'uomo che gli sono valse le accuse di "stalking", oltre a quelle di "tentata violenza sessuale" e "violenza sessuale aggravata dall'uso di un arma".

Sì, perché in un caso, quando il ricatto a luci rosse non si era rivelato efficace, il 37enne avrebbe persino impiegato una pistola per convincere la commessa ad acconsentire ai suoi desideri. Nella giornata di ieri il giudice ha stabilito la condanna a otto anni di reclusione nei confronti dell'uomo, un tempo durante il quale la donna potrà cercare di dimenticare tutta questa brutta storia, contornata da ansie e soprusi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perseguita la ex e la ricatta con filmati a luci rosse: condannato a 8 anni

VeronaSera è in caricamento