menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
"Responsabili di almeno dieci colpi"

"Responsabili di almeno dieci colpi"

"Responsabili di almeno dieci colpi"

Il comandante del Nucleo ooperativo dei carabinieri, Mason. "Stiamo rintracciando i loro complici"

“Ad essere decisive, ancora una volta, sono state le intercettazioni telefoniche. Non solo ci hanno permesso di rintracciare i tre plurirapinatori, ma siamo riusciti a capire quali sarebbero stati i prossimi obbiettivi, nella fattispecie Como”. Le parole sono del comandante del Nucleo operativo dei carabinieri di Verona, Pierpaolo Mason, che ha illustrato stamattina i particolari sull’ultima operazione, in trasferta a Como, per arrestare i membri della banda che, secondo le indagini ancora in corso, avrebbe svaligiato dieci gioiellerie in pochi mesi. Secondo quanto emerso e accertato, Vincenzo Antonelli, Anton Nicolli e Massimo Bernardinello, organizzavano due colpi al mese cambiando città e province.

“Ora stiamo mettendo assieme le prove- continua Mason- perché siamo convinti che ci sia il loro zampino in altri dieci colpi del centro-nord Italia. Stiamo anche verificando la responsabilità e il coinvolgimento di altre persone”. L’arresto è scattato sabato scorso, immediatamente prima che si potesse consumare il colpo all’ennesima gioielleria. Poco a poco, così, sono riemersi i pezzi del puzzle: i sopralluoghi servivano a controllare il negozio e controllare che non ci fossero telecamere. Ad entrare per primo era Bernardinello, il più rassicurante alla vista dei gioiellieri. Lì avvenivano i primi contatti, dove il rapinatore cercava di carpire la fiducia del commesso fingendosi un cliente e cercando di acquistare qualche articolo prezioso su richiesta di un fantomatico amico. Dopo aver concordato l’oggetto, Bernardinello si rifaceva vivo, stavolta armato e in compagnia del complice Nicolli, e scattava la rapina. Sono serviti 50 militari appostati per porre termine alle attività della banda.


Con la perquisizione a casa del capo e dei complici è stata ritrovata parte del bottino, una pistola Beretta 9x21, un apparecchio di immobilizzazione taser, le manette, più fascette di plastica, repliche di distintivi e capellini con i colori della polizia di Stato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento