menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Carabinieri di San Bonifacio (Foto di repertorio)

Carabinieri di San Bonifacio (Foto di repertorio)

Spinte e gomitate ai carabinieri durante un controllo, arrestato 23enne

Due militari sono dovuti andare al pronto soccorso e per uno di loro la prognosi è di 20 giorni. Il giovane era stato fermato alla stazione ferroviaria di San Bonifacio

Questa mattina, 12 ottobre, i carabinieri di San Bonifacio hanno arrestato per resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale, un cittadino italiano 23enne, di origini sudamericane, abitante in provincia, celibe, disoccupato, pregiudicato.

Erano circa le 9 quando i militari si sono avvicinati al giovane chiedendogli di fornire i propri documenti, durante un normale controllo alla stazione ferroviaria di San Bonifacio. Considerati i suoi precedenti e l'atteggiamento insofferente e nervoso, i carabinieri hanno deciso di procedere ad un controllo più approfondito, invitando il giovane a seguirli in caserma. Il ragazzo ha reagito prima tentando di fuggire e poi si opposto con violenza spintonando gli operanti e sferrando loro gomitate. Il 23enne è stato subito immobilizzato, ma durante la colluttazione i due carabinieri che lo stavano controllando hanno riportato contusioni agli arti, dovendo ricorrere alle cure mediche del pronto soccorso dell'ospedale Fracastoro. Per uno dei militari la prognosi di guarigione è di 20 giorni.

Il ragazzo è stato arrestato ed immediatamente processato con rito direttissimo in tribunale di Verona. Il giovane è stato condannato ad un anno di reclusione, con pena sospesa, ed obbligo di presentazione ai carabinieri di San Bonifacio per due giorni a settimana.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento