rotate-mobile
Cronaca Borgo Roma / Via Alessandro Fleming

Matteo Renzi a Verona. "Andare avanti senza lasciare indietro nessuno"

Il presidente del consiglio con gli industriali ha parlato del piano di investimenti del governo, ma prima ha visitato Casa Serena. E sui quadri di Castelvecchio assicura: "Parlerò con Poroshenko"

"Andare avanti senza lasciare indietro nessuno".

In queste sei parole pronunciate da Matteo Renzi nell'auditorium della GlaxoSmithKline di Verona c'è tutto il senso della visita di oggi, 27 settembre, in terra scaligera del presidente del consiglio.

Il "non lasciare indietro nessuno" Renzi lo ha voluto dimostrare nella prima tappa a Casa Serena, nell'istituto della Pia Opera Ciccarelli. La parte del "andare avanti" è invece stata quella del piano Industria 4.0, presentato nei dettagli dal ministro allo sviluppo economico Carlo Calenda. Renzi ha ammesso che questo piano è arrivato più tardi del previsto, ma ora è pronto e aiuterà a togliere tutta quella burocrazia, tutti gli ostacoli che impediscono alla aziende italiane di competere alla pari con quelle estere.

"Non sono venuto qui ha dirvi quanto siete bravi perché lo sapete già - ha dichiarato Renzi agli industriali presenti all'incontro - Sono venuto per dirvi che il governo con gli investimenti di questo piano farà la sua parte. Voi dovete fare il vostro lavoro, che è la cosa che sapete fare meglio".

Alla GlaxoSmithKline, Renzi non ha parlato della riforma costituzionale. Lo aveva fatto prima, a Casa Serena, chiedendo un deciso Sì al referendum di dicembre. E brevemente il presidente del consiglio si è preso anche un'impegno per i quadri di Castelvecchio ancora bloccati in Ucraina. Renzi parlerà direttamente con il presidente ucraino Poroshenko per sbloccare la situazione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Matteo Renzi a Verona. "Andare avanti senza lasciare indietro nessuno"

VeronaSera è in caricamento