rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Cronaca

Regionali, presenza bassa alle urne: 67,87%

Entro stasera anche la proclamazione delle nuove Giunte in quattro comuni

Grande attesa per gli esiti delle regionali, nonostante i dati dell'affluenza alle urne siano in controtendenza. Secondo le percentuali del Viminale, aggiornate alla chiusura dei seggi di ieri sera alle 22, i votanti si fermano al 67,87% percento e si fa spazio l'idea di un astensionismo più accentuato rispetto alle regionali del 2005, registrando un calo di quasi 7 punti rispetto al 73,57. "Verona specchio del Veneto", dato che in ogni provincia il calo d'affluenza è mediamente del sette percento: anche la provincia di Padova, attualmente in cima alla classifica regionale per numero di votanti con il 51,06 ha perso quasi sette punti rispetto il 2005 in cui aveva registrato il 58,19.

A destare maggiore attenzione sono le comunali che, in quattro comuni del Veronese, Nogara, Palù, Trevenzuolo e Vigasio, eleggeranno Giunta e primo cittadino. Le affluenze alle urne per le amministrative segnano un calo meno accentuato, fermandosi al 64,49 percento, contro il 68,50 della precedente votazione. In testa alla classifica per percentuale resta il comune di Palù, che alle dieci di ieri sera aveva accumulato il 75,55. Il più basso risultato di presenze alle urne, in tutta la provincia, è a Castagnaro, nel Basso Veronese, con 44,05 percento dei votanti, seguito da alcune amministrazioni gardesane come Peschiera (44,09), Torri del Benaco (44,80) e Bardolino, fermo al 44,44 percento.

La tornata elettorale si concluderà alle 15 di oggi, e i successivi exit poll potranno delineare già la situazione nel Veneto. Entro sera, colpi di scena a parte, sarà possibile conoscere il nome del nuovo governatore della regione Veneto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali, presenza bassa alle urne: 67,87%

VeronaSera è in caricamento