menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Luca Zaia conferenza stampa post Referendum

Luca Zaia conferenza stampa post Referendum

Referendum consultivo autonomia Veneto: raggiunto il quorum, affluenza al 57,2%

Superata la soglia del 50% già alle ore 19, il referendum consultivo è valido: il "Sì" al 98%

Domenica 22 ottobre, si è svolto il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto. I seggi sono stati chiusi alle ore 23, mentre alle 19 era già stato raggiunto il quorum necessario per considerare valida la consultazione, con il dato dell'affluenza regionale attestatosi al 50,1%. Nella provincia di Verona aveva votato il 47,2% degli aventi diritto, mentre risultava più basso il dato relativo alla città: nel capoluogo scaligero alle ore 19 aveva infatti votato solo il 36% degli elettori.

Scontata l'ampia affermazione del "Sì" (al 98,1% su scala regionale; 98,3% per la provincia di Verona), il dato dell'affluenza dopo le 23 si è attestato al 57,2%. Grande soddisfazione espressa da Zaia: «Il Veneto di oggi non è quello di ieri, spero che a Roma si accorgano di ciò che sta accadendo, il Veneto si candida ad essere un "laboratorio per l'autonomia" nel rispetto della Costituzione». 

Nel Veronese il dato dell'affluenza è arrivato al 55,5%, risultato nella media delle altre province venete che vede primeggiare Vicenza (62,7%) e fanalino di coda Rovigo, unica provincia al di sotto del 50%, seppur di pochissimo (dato finale 49,9%). Una consultazione referendaria che in terra scaligera ha visto una grande partecipazione nelle aree di campagna e in generale nei territori della provincia, mentre in città a Verona solo il 45,5% degli aventi diritto al voto ha deciso di recarsi alle urne.

In Lombardia dove anche si svolgeva un referendum consultivo (senza quorum) sull'autonomia della regione governata dal leghista Roberto Maroni, alle ore 12 il dato dell'affluenza si è fermato all'11,09%, mentre alle 19 ha raggiunto il 31,59%. Il dato finale dell'affluenza alle ore 1.30 non era ancora stato reso disponibile sul sito della Regione Lombardia, ma una proiezione indicherebbe che il 40% degli elettori sarebbe andato a votare. 

Dalle 12 aggiornamento sui dati dell'affluenza

Ore 23.00

Affluenza Veneto (575 enti su 575): 57,2%

Affluenza provincia di Verona (98 enti su 98): 55,5%

Città di Verona: 45,5%

Ore 19.00

Affluenza Veneto (575 enti su 575): 50,1%

Affluenza provincia di Verona (98 enti su 98): 47,2%

Città di Verona (tutte le sezioni): 36% 

Ore 12.00

Affluenza Veneto (575 enti su 575): 21.1%

Affluenza provincia di Verona (98 enti su 98): 19,2% 

Città di Verona (tutte le sezioni): 14%

Il quorum in Veneto

In totale sono 4.739 i seggi presenti nei 575 Comuni del Veneto, mentre gli aventi diritto al voto sono 4.068.558. Il governatore Luca Zaia, tra i maggiori promotori della consultazione referendaria, ha votato appena aperto il seggio nella scuola a San Vendemiano in provincia di Treviso. A differenza di quanto accade in Lombardia, per essere ritenuto valido il risultato del referendum consultivo in Veneto, è necessario che venga raggiunto il quorum del 50% più uno degli aventi diritto al voto. Circa l'8% degli aventi diritto risiede all'estero e per esprimere il proprio parere dovrebbe rientrare nella terra d'origine.

Il quesito referendario in Veneto

Il quesito referendario cui i votanti dovranno rispondere è questo: "Vuoi che alla Regione Veneto siano attribuite ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia?". Il referendum consultivo chiede un sì o un no, di fatto, all'avvio di una trattativa della Regione con il governo su competenze e risorse finanziarie da mantenere sul territorio, nell'alveo di quanto previsto da alcuni articoli della Costituzione, dal 116 al 119.

Come votare

Per esercitare il diritto di voto è sufficiente che l'elettore si presenti al seggio di appartenenza (indicato sulla tessera elettorale) esibendo un documento di riconoscimento in corso di validità. 

Non è necessario presentare la tessera elettorale. Sono documenti di riconoscimento la Carta d'identità, il passaporto, la patente, il libretto di pensione, il porto d'armi, patentino di abilitazione alla conduzione di impianti termici, le tessere di riconoscimento, purché munite di fotografia e di timbro o di altra segnatura equivalente, rilasciate da un'Amministrazione dello Stato, le tessere di riconoscimento rilasciate da ordini professionali o dall'Unione nazionale ufficiali in congedo d'Italia convalidata da un comando militare, il Contrassegno di parcheggio per disabili, secondo il modello previsto dalla raccomandazione n. 98/376/CE del Consiglio dell'Unione europea del 4 giugno 1998.

Ad avvenuto esercizio del diritto di voto, viene rilasciata un'attestazione di avvenuta votazione, vidimata con il bollo regionale di sezione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento