Si fa male al piede sul Carega, runner aiutato dal soccorso alpino

L'uomo, un quarantenne di Rovigo, si era infortunato correndo in discesa dal Rifugio Fraccaroli, nel territorio trentino di Ala. L'intervento sarebbe stato più veloce dal versante veronese e così sono intervenuti i soccorritori scaligeri

(Foto Soccorso Alpino Veneto)

Alle 13.15 di oggi, 6 settembre, il soccorso alpino di Verona è stato attivato per il recupero di un runner bloccato da un infortunio al Rifugio Scalorbi, nel territorio comunale trentino di Ala. L'uomo, un quarantenne di Rovigo, si era fatto male alla pianta del piede correndo in discesa dal Rifugio Fraccaroli e solo con l'aiuto di alcuni passanti ha raggiunto lo Scalorbi. Il dolore al piede, però, gli impediva di proseguire e di rientrare al Rifugio Pertica, dove si trovavano la compagna e la figlia.

Poiché l'intervento con i mezzi sarebbe stato più veloce dal versante veronese, una squadra ha raggiunto in fuoristrada il corridore e lo ha accompagnato alla sua auto. In accordo con il 118, poi, l'uomo ha rifiutato l'ambulanza per dirigersi in autonomia all'ospedale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • La zona "gialla plus" di Zaia peggio di quella arancione? Commercianti aperti, senza clienti

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Coronavirus, a Verona tornano a salire i ricoveri in terapia intensiva

Torna su
VeronaSera è in caricamento