rotate-mobile
Venerdì, 2 Dicembre 2022
Cronaca San Massimo / Via San Lucillo

Mise a segno una violenta rapina in farmacia: scovato un anno dopo

Insieme a due complici, il 20 settembre 2017, fece irruzione nell'attività di via San Lucillo, a Verona: in quella circostanza i banditi scapparono con il bottino, dopo aver colpito alla testa il farmacista con il calcio della pistola

Poco più di un anno fa, il 20 settembre, tre uomini armati fecero irruzione nella farmacia Soave di via S. Lucillo, a Verona, e colpirono alla testa, con il calcio della pistola, il farmacista, seminando in pochi secondi il panico tra i presenti. I criminali si fecero consegnare l'incasso e scapparono, dileguandosi tra le vie limitrofe. 

Scattarono così immediatamente le indagini da parte dei carabinieri della stazione di San massimo e del nucleo operativo e radiomobile e nucleo investigativo di Verona, che nella giornata di lunedì hanno dato i loro frutti. La serrata attività infatti ha portato i militari a Milano, dove, intorno alle ore 13, hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal tribunale di Verona, nei confronti di un individuo ritenuto responsabile della rapina. Si tratta di un uomo nato a Milano, classe 1972, pregiudicato, che è stato condannato per i reati di sequestro di persona, tentata rapina aggravata, lesioni personali e porto illegale di armi: l’arrestato è stato così condotto nella casa circondariale di San Vittore.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mise a segno una violenta rapina in farmacia: scovato un anno dopo

VeronaSera è in caricamento