Cronaca Stazione / Piazzale XXV Aprile

Rapina un uomo in stazione e prova un altro colpo: arrestato, resta in carcere

È comparso lunedì mattina davanti al giudice C.B., l'individuo fermato tra il 25 e il 26 aprile dalle Volanti della Questura di Verona, dopo la segnalazione arrivata dalla vittima alla centrale operativa

È stato fermato nella notte tra giovedì e venerdì, C.B., il principale indiziato della rapina commessa la scorsa settimana ai danni di Z.I., un cittadino pakistano di 47 anni regolarmente residente a Bolzano, che si trovava a Verona per incontrare la commissione incaricata del rinnovo del suo permesso di soggiorno.

Era passata da poco la mezzanotte quando, lo scorso 26 aprile, gli agenti della centrale operativa della Questura hanno ricevuto la prima segnalazione di una rapina appena consumata nei pressi della stazione di Verona Porta Nuova. L'uomo al telefono ha riferito loro di essere fuggito in seguito ad un’aggressione subita in piazzale XXV aprile e perpetrata nei suoi confronti da un cittadino extracomunitario.
La vittima ha dichiarato di essersi imbattuta in un uomo di probabile nazionalità africana che, fermo a margine della carreggiata, lo fissava da lontano e sembrava attendere il suo passaggio. Secondo la testimonianza raccolta in sede di denuncia, il giovane, improvvisamente, si sarebbe scagliato contro il cittadino straniero, lo avrebbe afferrato con forza e, dopo averlo ripetutamente colpito alla testa, si sarebbe impossessato del suo portafoglio. Una volta ottenuti i 110 euro in contanti in esso contenuti, l’aggressore avrebbe gettato a terra il taccuino per poi darsi alla fuga.

Le ricerche sono scattate immediatamente e si sono concluse intorno alle 1.30 del mattino, nei pressi della rotonda che da viale Piave immette in stradone Santa Lucia. Gli uomini delle Volanti, intervenuti sul posto dopo un’ulteriore segnalazione per tentata rapina, hanno identificato il soggetto, dettagliatamente descritto dalla prima vittima: riconosciuto con certezza dalla parte lesa, è stato quindi sottoposto a fermo e trattenuto presso la casa circondariale di Montorio in attesa della convalida del provvedimento.

C.B., irregolare sul territorio nazionale, in Italia senza fissa dimora e già gravato da precedenti condanne per reati della medesima natura, è comparso lunedì mattina davanti giudice che, a seguito della convalida del fermo, ha disposto nei suoi confronti la custodia cautelare in carcere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina un uomo in stazione e prova un altro colpo: arrestato, resta in carcere

VeronaSera è in caricamento